Contenuto sponsorizzato

Non è Dio che governa

«Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio». I fanatismi hanno spesso tentato di capovolgere queste parole, e questa verità. Quando ci riescono, non si allontanano solamente da Dio, ma violentano la condizione stessa dell'essere umano
DAL BLOG
Di Alessandro Anderle - 21 ottobre 2017

Laureato in Filosofia e laureando in Scienze Religiose. Insegno Pluralismo e dialogo fra le religioni,

Terminata la lettura delle cosiddette tre parabole di rottura, che Gesù pronunciò di fronte ai sacerdoti e agli anziani, Matteo – seguendo nuovamente il testo del vangelo secondo Marco – riporta il blocco delle quattro “controversie” che videro altri interlocutori coinvolti. La prima – la lettura di questa domenica – è ben nota: “Il tributo a Cesare”.

 

Mt 22,15-21    In quel tempo 15 i farisei tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. 16 Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. 17 Dunque, di' a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». 18 Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? 19 Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. 20 Egli domandò loro: «Questa immagine e l'iscrizione, di chi sono?». 21 Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

 

I nuovi interlocutori di Gesù sono i discepoli dei farisei e degli erodiani, due “fazioni” che la storia ha visto ben poche volte andare a braccetto: «tale collusione si ripeté al tempo di Erode Agrippa I (tra il 41-44 d.C.), il quale fece uccidere l'apostolo Giacomo e imprigionare Pietro per compiacere i giudei (At 12,1-5» (A. Poppi). Lo scopo di questa prima forma di collusione era dunque specificatamente quella di trarre in inganno Gesù, per farlo arrestare.

 

Porre la domanda sul tributo a Gesù rappresentava un tranello – da ipocriti lo definirà Gesù stesso. Ma perché? Come è noto, il dominio straniero, romano, era ben lungi dall'essere accettato dai giudei, i quali erano in attesa di un Re-Messia che, con la forza, avrebbe potuto liberarli.

 

Dall'altra, i romani non avevano nessuna intenzione di abdicare al dominio sulla Palestina. Secondo il pensiero, ipocrita, dei provocatori, Gesù avrebbe dovuto schierarsi con una di queste due parti e quindi, a seconda del caso, perdere credibilità come Messia agli occhi del popolo, oppure schierarsi contro Cesare ed essere arrestato.

 

È esattamente il modo di Gesù di rispondere a questa domanda che spiazza gli interlocutori, anche questo episodio avrebbe potuto rappresentare una “tentazione” per lui – come la rappresenta per qualsiasi essere umano oggi. Non sarebbe costata molta fatica al Maestro aizzare il popolo contro gli erodiani, richiedere agli astanti un tributo all'idolatria di se stesso.

 

I parallelismi con altre figure storiche, ma anche contemporanee, che usarono le persone per ottenere un'autolegittimazione di stampo politico, sono innumerevoli. Con una piccola “aggravante” nel caso di Gesù a carico di farisei ed erodiani, poiché «dal racconto emerge che egli non aveva con sé denaro; invece, i suoi oppositori non si erano fatti scrupolo di entrare nel recinto del tempio, dove avvenne il confronto, portando monete con l'effige dell'imperatore, ciò che era severamente proibito dalla Legge [mosaica] (Es 20,4)» (A. Poppi).

 

Qui Gesù marca nettamente la differenza fra la sfera politica e quella religiosa, non ponendole sullo stesso piano, quindi negando ogni “necessità” di conflitto fra di esse. La laicità dello Stato – traslando un concetto contemporaneo e lontano dalla mentalità del tempo di Gesù – viene qui in qualche modo postulata da Cristo, attraverso questa specifica distinzione dei piani. E questo con buona pace dei cristiani che, nei secoli successivi e fino ad oggi, tentano di capovolgere gli insegnamenti di Gesù.

 

Come scrive Enzo Bianchi: «Dicendo: “Restituite a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio”, Gesù si tiene lontano da una politicizzazione di Dio così come da una sacralizzazione del potere politico. Cesare non è né Dio né divino, come invece indicava l’iscrizione sulla moneta: “Tiberio Cesare figlio del divino Augusto, Augusto”; nello stesso tempo, Dio non può prendere il posto di Cesare attraverso l’istituzione religiosa. Saremmo di fronte a due forme di idolatria che sconfessano l’autentica signoria di Dio, offendendola o pervertendola».

 

Certamente Gesù, evitando l'insidiosa domanda, evidenzia il primato assoluto di Dio su ogni forma di autorità temporale, ma questo primato, appunto, è da ritenersi valido sopra qualsiasi forma di potere temporale. Che esso sia democratico, oligarchico oppure teocratico, la forma conta poco.

 

I fanatismi hanno spesso tentato di capovolgere queste parole, e questa verità. Quando ci riescono, non si allontanano solamente da Dio, ma violentano la condizione stessa dell'essere umano.

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

22 ottobre - 13:03

“Non può esserci nessuna discontinuità con l’esecutivo precedente mantenendo le leggi più rappresentative del governo Lega-M5s”. Così i Dem roveretani chiedono l’abolizione dei decreti sicurezza firmati dall’ex ministro dell’interno Matteo Salvini

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato