Contenuto sponsorizzato

Addio a Giovanni de Stanchina, precursore dell'agricoltura sostenibile

Se ne è andato il 22 marzo 2020 nella casa di Livo. E' stato un precursore di alcuni decenni dei principi dell’agricoltura sostenibile
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 25 marzo 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

A Giovanni de Stanchina, deceduto il 22 marzo 2020 nella casa di Livo, l’agricoltura del Trentino Alto-Adige deve essere grata non solo per avere introdotto nei magazzini ortofrutticoli delle due province la frigoconservazione e gli accorgimenti agronomici per assicurare alla frutta serbevolezza e sanità da funghi patogeni e alterazioni fisiologiche.

 

Nei 40 anni trascorsi alla Stazione Sperimentale di S. Michele a/Adige in qualità di dipendente a partire dagli anni ’60 e di direttore dopo la metà degli anni ’70, ha svolto un ruolo di anticipatore di idee e linee guida per molti altri settori dell’agricoltura regionale.

 

Ha precorso di alcuni decenni i principi dell’agricoltura sostenibile. Basti pensare alla “campagna frutta pulita”del 1972 e al disegno di legge provinciale sull’agricoltura ecologica del 1980. Quando è stato assunto, il personale della Stazione Sperimentale si contava sulle dita di una mano. Grazie all’aiuto della Regione Trentino Alto-Adige e alla consulenza del prof. Enrico Avanzi è riuscito ad ampliare l’organico ad una quarantina di dipendenti. In modo da coprire una decina di settori di attività sperimentale e di consulenza.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 marzo - 19:21

Le vittime sono 8 donne e 10 uomini. Sono 7 i decessi avvenuti nelle Rsa. L'età media è di 87 anni. Sono 2.340 i positivi per coronavirus in Trentino, 104 casi e ci sono, purtroppo, 18 nuovi decessi. Complessivamente le vittime per complicanze legate a Covid-19 sul territorio salgono a 120 per un totale di 184 morti a livello regionale

28 marzo - 18:33

Se n’è andato alla soglia della sua 87esima vendemmia. Un cultore della tradizione, viticola anzitutto. Curava i suoi vigneti con ritmi ancestrali, usando legare le viti con le ‘strope’, per rispettare l’habitat, per non disperdere la gestualità rurale e pure per non inquinare con qualche legaccio sintetico

28 marzo - 17:57

Sono 2.340 i trentini positivi a Covid-19. L'aggiornamento di Provincia e Azienda provinciale per i servizi sanitari riporta 104 nuovi contagi sul territorio provinciale. Fugatti: "Le notizie sui decessi sono drammatiche ma il trend sembra stabilizzarsi"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato