Contenuto sponsorizzato

Addio a Giovanni de Stanchina, precursore dell'agricoltura sostenibile

Se ne è andato il 22 marzo 2020 nella casa di Livo. E' stato un precursore di alcuni decenni dei principi dell’agricoltura sostenibile
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 25 marzo 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

A Giovanni de Stanchina, deceduto il 22 marzo 2020 nella casa di Livo, l’agricoltura del Trentino Alto-Adige deve essere grata non solo per avere introdotto nei magazzini ortofrutticoli delle due province la frigoconservazione e gli accorgimenti agronomici per assicurare alla frutta serbevolezza e sanità da funghi patogeni e alterazioni fisiologiche.

 

Nei 40 anni trascorsi alla Stazione Sperimentale di S. Michele a/Adige in qualità di dipendente a partire dagli anni ’60 e di direttore dopo la metà degli anni ’70, ha svolto un ruolo di anticipatore di idee e linee guida per molti altri settori dell’agricoltura regionale.

 

Ha precorso di alcuni decenni i principi dell’agricoltura sostenibile. Basti pensare alla “campagna frutta pulita”del 1972 e al disegno di legge provinciale sull’agricoltura ecologica del 1980. Quando è stato assunto, il personale della Stazione Sperimentale si contava sulle dita di una mano. Grazie all’aiuto della Regione Trentino Alto-Adige e alla consulenza del prof. Enrico Avanzi è riuscito ad ampliare l’organico ad una quarantina di dipendenti. In modo da coprire una decina di settori di attività sperimentale e di consulenza.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 dicembre - 19:14

Nonostante i divieti sugli spostamenti in vista delle festività natalizie è iniziata la corsa ai tamponi, nella convinzione (errata) che garantiscano una sorta di “patente d’immunità”. Il numero uno di Apss: “In queste situazioni i test non servono. Quest’anno purtroppo è così sarà un Natale strano, ma dobbiamo accettarlo, per la salute delle persone a cui vogliamo bene”

05 dicembre - 18:52

Mentre domani è stata fissata un allerta arancione per tutta la provincia e rossa per l'Alto Adige e il Veneto ecco la situazione generale di neve e strade. Chiusa per pericolo valanghe la provinciale 25 di Garniga tra Garniga Vecchia e le Viote e istituito il senso unico alternato lungo la provinciale 76 Gardolo – Lases per caduta massi

05 dicembre - 16:44

Tra i nuovi positivi se ne contano 105 over 70 e ci sono 3 bimbi con meno di 2 anni. Una persona in più in terapia intensiva e numero di dimissioni superiore ai nuovi ricoveri: 31 contro 28

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato