Contenuto sponsorizzato

Cernita e consegna delle barbatelle, l'impegno dei vivaisti

I viticoltori associati alla cooperativa Vivai viticoli di Padergnone dopo avere estratto dal terreno le barbatelle, le portano in azienda per prepararle alla consegna
Dal blog di Sergio Ferrari - 01 dicembre 2018 - 18:26

I vivaisti associati alla cooperativa Vivai di Padergnone sono impegnati nella cernita e nell’assemblaggio delle barbatelle sterrate nella prima quindicina di novembre. La selezione riguarda soprattutto l’apparato radicale delle barbatelle.

 

Quelle ritenute scadenti passano nella seconda categoria. Rappresentano in media il 2-3% del totale. Le barbatelle vengono riunite a mazzi di 25 e 100 elementi. I mazzi provvisti di etichetta descrittiva del tipo di combinazione tra portainnesto e
marza una volta consegnati alla cooperativa affrontano percorsi diversi secondo il prevedibile tempo di consegna.

 

Le prime partite sono già state consegnate. Quelle di prossima consegna vengono collocate in contenitori appositi e collocate in cella frigo. Quelle che saranno consegnate nella tarda primavera vengono collocate a mazzi in celle regimate
al 99% di umidità e a 2-3 gradi di temperatura.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 dicembre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 dicembre - 19:09

Dalla Francia la conferma dell'aggravarsi della salute del reporter. L'intervento per estrarre il proiettile risulterebbe non eseguibile. Il prete: ''Siamo vicini ai suoi cari. Quest'odio deve finire"

12 dicembre - 17:30

La capogruppo in consiglio della Lega interviene sulla necessità di realizzare l'infrastruttura e spiegare quale sarà l'iter da seguire: ''L’obiettivo della Lega e della giunta Fugatti è di uscire dall'impasse infrastrutturale degli ultimi 15 anni di autonomia mal governata dal centro sinistra autonomista''

12 dicembre - 13:58

L'allarme scatta intorno alle 16 di martedì 11 dicembre, quando una telefonata segnala la presenza di un uomo armato in area "Vanezom" al Bosco della città. Una situazione pericolosa e delicata, il ragazzo in grossa difficoltà e tante persone in zona

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato