Contenuto sponsorizzato

Cernita e consegna delle barbatelle, l'impegno dei vivaisti

I viticoltori associati alla cooperativa Vivai viticoli di Padergnone dopo avere estratto dal terreno le barbatelle, le portano in azienda per prepararle alla consegna
Dal blog di Sergio Ferrari - 01 dicembre 2018 - 18:26

I vivaisti associati alla cooperativa Vivai di Padergnone sono impegnati nella cernita e nell’assemblaggio delle barbatelle sterrate nella prima quindicina di novembre. La selezione riguarda soprattutto l’apparato radicale delle barbatelle.

 

Quelle ritenute scadenti passano nella seconda categoria. Rappresentano in media il 2-3% del totale. Le barbatelle vengono riunite a mazzi di 25 e 100 elementi. I mazzi provvisti di etichetta descrittiva del tipo di combinazione tra portainnesto e
marza una volta consegnati alla cooperativa affrontano percorsi diversi secondo il prevedibile tempo di consegna.

 

Le prime partite sono già state consegnate. Quelle di prossima consegna vengono collocate in contenitori appositi e collocate in cella frigo. Quelle che saranno consegnate nella tarda primavera vengono collocate a mazzi in celle regimate
al 99% di umidità e a 2-3 gradi di temperatura.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 aprile - 06:01

Magari sono studenti "fuori corso", ma sembra che ognuno abbia il suo compito, c'è quello che gestisce e controlla dall'esterno, un palo all'interno per monitorare gli spostamenti degli uomini della sicurezza e quindi solitamente in cortile ecco il mercato, si contratta e acquista

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato