Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il rito della spremitura dell'uva Nosiola si terrà ma senza invitati e operatori di settore

Alla cantina Toblino è certo invece che non si eseguirà la ritappatura di una partita di bottiglie di vino santo di annate pregresse che era già stata messa in preventivo
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 30 March 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La spremitura dell’uva Nosiola appassita in vinsantaia si eseguirà anche quest’anno rispettando il periodo tradizionale della Pasqua ma senza il contorno di invitati o operatori di settore e della comunicazione.

 

Ne dà notizia l’enologo della Cantina Toblino di Sarche Lorenzo Tomazzolli, ma lo stesso comportamento a causa della limitazione degli spostamenti di persone dovuto al coronavirus sarà adottato anche dai 6 vignaioli che producono vino santo Trentino doc della Valle dei Laghi.

 

Tornando alla cantina Toblino, è certo invece che non si eseguirà la ritappatura di una partita di bottiglie di vino santo di annate pregresse che era già stata messa in preventivo.

 

L’operazione comporterebbe infatti la presenza di più persone all’interno dello stesso locale, compreso il notaio che deve validare la procedura e la relativa documentazione.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 15:48

La vicenda dell'improvvisa chiusura del quotidiano è stata centrale nella V commissione della Pat. Il presidente della Camera di commercio di Bolzano ha ripercorso le tappe dall'acquisizione alla serrata. Poi sono stati ascoltati anche i giornalisti e la parte sindacale 

28 January - 13:03

Renato Vicentini, scavando nel proprio orto di Pilcante, si è imbattuto in alcuni cippi della Grande Guerra. Sulla pietra ci sono scolpiti dei numeri, dei nomi e la data di morte. Da subito ha cercato di mobilitarsi, provando a ricostruirne la storia. "Avrei preferito trovare dei lingotti d'oro", scherza. E poi lancia l'appello: "Qualcuno se ne prenda carico. Voglio arrivare agli eredi"

28 January - 12:41

La struttura del rifugio alpino Città di Milano vanta una superficie complessiva di 2.788 metri quadri su una zona rocciosa e di ghiacciaio vicino alla stazione a monte della funivia di Solda

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato