Contenuto sponsorizzato

Corre il 19 dicembre 1906 e lo spumante Ferrari riceve il diploma di medaglia d'oro

La lettera viene inviata dalla Segreteria generale e dalla Presidenza dell’Esposizione Internazionale di Milano alla ditta Giulio Ferrari e C. Il giovane Giulio Ferrari risponde il 25 dicembre 1906
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 15 dicembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Porta la data del 19 dicembre 1906 la lettera che la Segreteria generale e la Presidenza dell’Esposizione Internazionale di Milano ha inviato a Ferrari G. e C. Trento, nella quale si comunicava l’avvenuta assegnazione di un diploma di medaglia d’oro allo spumante della ditta Giulio Ferrari e C.   

 

Lo zio Carlo la riceve e la trasmette al nipote che si trova a Monastero di Aquileia (Friuli) dove lavora alle dipendenze dell’azienda vivaistica Ritter.

 

La risposta del giovane Giulio Ferrari è contenuta in una lettera del 25 dicembre 1906.

 

“Per la vendita, io posso ora disporre di 300 bottiglie e a ogni momento si può effettuare la spedizione. Di queste 300 bottiglie, 50 intere e 10 mezze, sono di Maximum Sec ed il resto di Demi Sec. Perciò decido che il Demi Sec può essere inviato e venduto per 4 lire e 50 e il Maximum a 5 lire a bottiglia".  

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato