Contenuto sponsorizzato

I pesci non soffrono il caldo. L'alzarsi delle temperature in alcuni casi favorisce o anticipa la riproduzione

Quest’anno l’abbondanza di neve e il consistente scioglimento non porteranno probabilmente al prosciugamento dei ruscelli e quindi i pesci non subiranno danni
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 10 luglio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele. Ha vinto la Penna d'Oro nel 1988

Il caldo torrido che fa soffrire uomini ed animali ha qualche influenza sui pesci? L’ittiologo Leonardo Pontalti dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento fa distinzione tra ruscelli e laghi.

 

Quest’anno l’abbondanza di neve e il consistente scioglimento non porteranno probabilmente al prosciugamento dei ruscelli e quindi i pesci non subiranno danni.

 

Nelle acque ferme il caldo ha fatto invece salire la temperatura sopra i 16-18 gradi, favorendo o addirittura anticipando la riproduzione delle specie appartenenti alla famiglia dei Ciprinidi, quali carpa, tinca, scardola, sanguinerola, alborella, ecc.

 

L’esatto contrario, dice l’esperto, succede a fine stagione per i Salmonidi, famiglia alla quale appartengono le trote.

 

L’abbassamento progressivo della temperatura dell’acqua fino a 6-7 gradi e il progressivo calo delle ore di luce innescano il fenomeno riproduttivo.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 19:15

Per il partito democratico nella coazione c'è spazio per il centro. Maestri: "Assurdo andare a pesarsi per arrivare ad un secondo turno. Non verrebbe capito dagli elettori''. L'invito quindi di sedersi ad un tavolo per parlare di valori comuni e di temi 

23 ottobre - 17:36

La stagione influenzale (ottobre-marzo) ha preso inizio e da Udine è giunta una prima poco incoraggiante notizia. Ma l'aggressività dell'influenza verrà calcolata solo più avanti. Per ora l'Azienda sanitaria trentina si prepara alla campagna vaccinale, con l'acquisto di 80mila dosi e un obiettivo preciso: raggiungere almeno il 55% della soglia di soggetti vaccinati tra gli over 65

23 ottobre - 17:57

Il terribile incidente è avvenuto quest'oggi intorno alle 12.45. Con l'uomo, classe '50, c'erano altri due escursionisti che hanno dato l'allarme

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato