Contenuto sponsorizzato

Atti sessuali su una quindicenne, a processo un 67enne: scarcerato dopo aver patteggiato e versato un risarcimento

Ieri l'udienza preliminare al Tribunale di Trento. I fatti risalgono a settembre 2016 e l'uomo, di Treviso, era stato arrestato a marzo

Pubblicato il - 20 October 2017 - 09:00

TRENTO. E' stato rimesso in libertà, dopo aver patteggiato due anni di reclusione e risarcito il danno, il 67enne di Treviso arrestato nel marzo scorso per violenza sessuale aggravata su una minorenne trentina con “difficoltà di apprendimento”. L'udienza è avvenuta ieri mattina al Tribunale di Trento.

 

I fatti risalgono al mese di settembre dello scorso anno quando l'uomo aveva adescato la minorenne a Levico mentre stava passeggiando. Il pensionato conosceva bene la zona e dopo aver plagiato la giovane era riuscito a portarla su una panchina dove avrebbe iniziato a palpeggiarla e baciarla.

 

Fu quello l'inizio di un rapporto definito dagli stessi inquirenti “malato”. Con lo scambio dei numeri tra i due sarebbe iniziato un rapporto sempre più intenso con il 67enne che in poco tempo avrebbe mandato alla giovane circa 1400 messaggi rintracciati dagli investigatori della Polizia postale.

 

Non mancarono nemmeno i regali che il pensionato iniziò a mandare alla minorenne che rivide dopo qualche settimana. Un secondo incontro nel quale il 67enne non si fece problemi nel compiere atti sessuali più espliciti.

 

Ed è stato solo grazie all'intervento della madre e del padre che si è riusciti a individuare e a fermare l'uomo. I genitori della ragazza, infatti, dopo aver capito che la figlia aveva dei comportamenti strani hanno ritrovato sul cellulare i messaggi del pensionato e scoperto la relazione.

 

Immediatamente era stata avvisata la Polizia postale che a seguito delle indagini arrestò e portò in carcere a Verona il pensionato. Ieri l'udienza preliminare a Trento dove l'uomo ha patteggiato due anni di reclusione ed è stato scarcerato versando un risarcimento. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 18:00

Le misure che entreranno in vigore sono del tutto simili a quelle che vennero adottate per i Comuni di Cembra Lisignago, Castello Tesino, Bedollo e Baselga di Pinè. L'ordinanza rimarrà in vigore fino al 19 marzo 

04 marzo - 18:57

Tre di questi nuovi casi sono stati riscontrati rispettivamente in tre nuovi comuni altoatesini. Attualmente è in corso il contact tracing per verificare se e come i nuovi casi siano correlati ad altri già noti

04 marzo - 18:01

Le analisi hanno confermato la positività alla variante inglese di un caso legato ai contagi rilevati fra i dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme. Il sindaco di Cavalese: “In molte altre strutture del Trentino le terapie intensive sono sature e quindi non è escluso che a Cavalese riaprano alcuni reparti Covid per accogliere questi pazienti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato