Contenuto sponsorizzato

Dramma a Trento, 53enne trovato morto in casa

Il corpo di Rudi Filippi è stato trovato senza vita in camera da letto. E' stato colpito da un malore fatale

Pubblicato il - 31 dicembre 2017 - 08:55

TRENTO. E' stato ritrovato senza vita in camera da letto il corpo di Rudi Filippi, 53 anni, residente in via Maccani a Trento. La tragica scoperta è avvenuta ieri pomeriggio. I vicini di casa, da qualche giorno, sentivano una radio sempre accesa dall'appartamento dell'uomo e pensavano che se ne fosse andato dimenticandosi di spegnerla.

 

Ieri pomeriggio, visto la situazione, hanno avvisato la polizia locale. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco che hanno aperto la porta e si sono trovati davanti, in camera da letto, il dramma.

 

Inutile l'intervento del medico che purtroppo non ha potuto far altro che constatare la morte. Secondo i sanitari sarebbe avvenuta almeno 48 ore prima.

 

Sulle cause della morte non ci sarebbero dubbi. Rudi Filippi è stato compito da un malore fatale che non gli ha lasciato scampo.   

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato