Contenuto sponsorizzato

Furto in un negozio del centro, rubato il telefono alla commessa

Pubblicato il - 15 ottobre 2017 - 12:39

TRENTO. E' successo in pieno centro storico, in tarda mattinata. Un uomo sui 40, 50 anni è entrato nel negozio "Camaleonte" situato in via S. Vigilio come se fosse un semplice cliente. Aspettando il suo turno guardava la merce in mostra, collanine, pashmine e braccialetti, mentre la commessa finiva di servire un'altra cliente presente nel negozio.

 

Senza fare acquisti, prima del suo turno, l'uomo ha salutato gentilmente e si è allontanato dall'esercizio in direzione piazza Fiera. Ma a un certo punto la diffusione musicale all'interno del negozio si è interrotta: il telefono era collegato tramite bluetooth agli altoparlanti, e così si è scoperto il furto.

 

Dapprima la commessa credeva si fossero spente le casse ma poi ha capito che il telefono, che si trovava vicino alla cassa, era stato asportato. Altro non è stato rubato perché la chiave del cassetto dei soldi era legata al collo della commessa.

 

I carabinieri, sentiti subito dopo, hanno invitato la donna derubata del suo telefono a recarsi al comando per sporgere denuncia contro ignoti

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato