Contenuto sponsorizzato

Il centro di accoglienza per i profughi potrebbe allargarsi. Parte delle caserme di via al Desert alla Provincia

L'assessore Luca Zeni: "Per ora è una questione immobiliare tra Provincia e Demanio. Se ne occupa un altro assessorato, non il mio". Ma non servirebbe per far posto a nuovi arrivi, da luglio non viene accolto nessun richiedente asilo

Pubblicato il - 14 novembre 2017 - 06:47

TRENTO. "Potrebbe essere ma è solo un'ipotesi". Dicono questo in Provincia rispetto all'allargamento della Residenza Fersina che ora ospita la pronta e la prima accoglienza dei profughi nell'area che fino a qualche anno fa apparteneva all'Esercito italiano

 

Una parte della zona delle caserme di via al Desert è già di proprietà della Provincia mentre l'altra parte, assieme a tante altre aree del Demanio statale, potrebbe entrare nelle disponibilità provinciali nel prossimo futuro.

 

Si era già parlato dell'accordo impegnava la Provincia di Trento a ristrutturare a proprie spese la caserma Pizzolato ed una parte della caserma Chiesa in cambio della cessione di una parte dell'intera caserma Battisti e di una parte della Damiano Chiesa.

 

E proprio su questa porzione, tra le ipotesi c'è quella di allargare il centro di accoglienza per i profughi trenini. L'ipotesi per il momento è forse solo un desiderio, quello di allargare gli spazi ormai troppo stretti.

 

Non per far posto ad altri richiedenti asilo, anche perché ormai è da luglio che non ne arrivano sul territorio provinciale, ma per utilizzare l'area per i laboratori di lavoro, per le aule di lingue, per le attività formative che gli ospiti dell'accoglienza devono frequentare.

 

Per l'assessore Luca Zeni la questione non è stata mai presa ufficialmente in considerazione. "Si tratta, per ora, di una questione di natura immobiliare che riguarda un altro assessorato, non il mio. Si sa che nei ragionamenti generali c'è l'ipotesi della cessione di parte delle proprietà del Demanio - afferma - ma cosa ci si farà è ancora tutto da decidere".

 

Di sicuro lì, tra qualche anno, sorgerà il Not. La zona delle caserme è nelle adiacenze e l'area sarà interessata dalla rivoluzione urbanistica e viabilistica del nuovo ospedale trenino. Ne frattempo c'è però chi pensa che un allargamento della zona dell'accoglienza sarebbe forse una buona idea

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 17:10

Il testo integrale dell'ordinanza del presidente della provincia di Trento ricalca in molte parti quella di Bolzano: tornano chiuse le attività al dettaglio la domenica dopo che per tutta l'estate le si era bloccate per una discussa (e forse incostituzionale) legge provinciale. Tra le raccomandazioni quella per gli over 70 di non incontrare under 30 e di non ricevere in case private persone non conviventi

26 ottobre - 15:58

Il presidente della regione Veneto ha commentato i dati odierni (oltre 1.100 contagi e 3 morti) e spiegato che secondo lui sarebbe stato meglio chiudere i centri commerciali che gli esercenti della ristorazione. E sul virus ha aggiunto: ''Va affrontato per quello che è: per noi l'emergenza sanitaria non c'è. Non c'è in Veneto''

26 ottobre - 15:45

E' successo pochi minuti prima di mezzogiorno. Sul posto si sono portati  i carabinieri, i vigili del fuoco di Grigno e i soccorsi sanitari. Il ragazzo dopo essersi ripreso è stato stabilizzato ed elitrasportato all'ospedale di Trento 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato