Contenuto sponsorizzato

Leggero incidente per Francesco Moser, ma nessuna gamba rotta. Un ematoma causato dalla martellante

Eurosport ha subito titolato che si sarebbe rotto una gamba e gli altri quotidiani hanno scritto che è successo a Palù. In realtà lo Sceriffo è a casa, un po' dolorante e l'incidente è avvenuto al Maso sopra Gardolo

Di Luca Pianesi - 16 ottobre 2017 - 19:59

TRENTO. Nessuna gamba rotta, nessuna ferita grave. Un ematoma e un po' di dolore ma Francesco Moser sta bene. Eurosport titolava: "Francesco Moser, che spavento! Si rompe una gamba in un incidente con il trattore" ma, fortunatamente, nulla di grave è accaduto. La notizia sta rimbalzando sui social e su vari giornali online ma è più grande di quel che sembra. Lo "Sceriffo" è a casa, sul suo divano. E' andato all'ospedale per precauzione accompagnato dalla moglie (dunque nessuna ambulanza) e il trattore è in piedi (nessun ribaltamento).

 

Un incidente, però, c'è stato, seppure leggero. Il grande ex campione di ciclismo, infatti, era tra le vigne, nella sua campagna sopra Gardolo e stava agganciando la martellante al trattore. Durante l'attacco del macchinario, però, un polpaccio gli è rimasto in mezzo ed è stato schiacciato. Tanto dolore e un po' di spavento ma, senza perdersi d'animo, è risalito sul mezzo ed è rientrato a Maso Warth. Qui è stato portato in macchina all'ospedale per un controllo. Una lastra, per sicurezza, ma, fortunatamente nulla di grave.

 

La notizia, quella vera, è semmai che il "Checco" sabato scorso è stato nominato Chevalier Du Tastevin Bourgogne un importante conferimento per la qualità dei suoi vini, consegnatogli in una delle terre più importanti dal punto di vista enologico del mondo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 05:01

Il Cibio è stato tra i primissimi centri di ricerca in Italia a ipotizzare di sviluppare un vaccino per contrastare Covid-19. I laboratori coordinati da Pizzato e Grandi erano arrivati, anche piuttosto velocemente, a chiudere la fase pre-clinica. Poi a luglio ci si è fermati per l'impossibilità di raccogliere un finanziamento di un paio di milioni: "Ci sarebbe un modo anche per comprendere nel prodotto l’efficacia contro specifiche varianti del virus"

26 febbraio - 20:08

Sono 211 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 38 pazienti sono in terapia intensiva. Oggi 1 decesso. Sono 87 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

26 febbraio - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato