Contenuto sponsorizzato

Migranti e volontari assieme, tornano i presepi solidali

Protagonisti i richiedenti asilo con i volontari del CedAS (Caritas) di Rovereto e del Comune di Nomi

Pubblicato il - 24 November 2017 - 14:14

NOMI. Presepi che sembrano delle vere e proprie opere d'arte realizzate dalla collaborazione dei richiedenti asilo con i volontari del CedAS (Caritas) di Rovereto e del Comune di Nomi.

 

L'iniziativa aveva visto la sua prima edizione nel 2016 con i migranti coinvolti nella realizzazione di manufatti esposti nel Natale 2016 nelle vie di Rovereto.

 

 

In questa edizione, i presepi saranno allestiti da domenica 26 novembre 2017 a domenica 6 gennaio 2018 a Nomi (Vallagarina, Trentino), lungo le strade del paese e nella sala dell'ex Granaio in Piazza Cesare Battisti.

 

L'inaugurazione ufficiale della rassegna di Presepi solidali è in programma domenica 26 novembre, alle ore 16.00, a Nomi. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 December - 08:43

In vista delle festività natalizie il Governo ha introdotto nuove misure restrittive che fra le altre cose estendono l’effetto dei Dpcm già emanati. Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 saranno vietati gli spostamenti tra Regioni diverse, mentre a ridosso del Natale saranno vietati anche quelli fra Comuni

03 December - 07:01

L'assessora Stefania Segnana ha rassicurato che appena possibile, e compatibilmente con l'emergenza Covid-19, il servizio verrà riattivato. Ioppi: "Non si può aspettare nella migliore delle ipotesi l'ultimo momento per intervenire. In questo modo si sovraccaricano ulteriormente gli operatori". Fugatti risponde al Patt: "Trovare novelli difensori degli ospedali di valle, quando sappiamo benissimo quanto è stato fatto in 15 anni, ci fa un po' sorridere"

02 December - 19:46

Il Fondo per i Comuni confinanti ha stanziato oltre 16 milioni di euro per un programma che rafforzi la collaborazione in questi tempi difficili. Il presidente Roger De Menech: "Potenziamento della didattica a distanza, della telemedicina e del trasporto pubblico. Già anticipato ai Comuni il 30%"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato