Contenuto sponsorizzato

Parapiglia in città, la lite scoppia in piazza Dante ma si rincorrono con i bastoni per le vie del centro

Paura tra i passanti che hanno assistito all'inseguimento tra un gruppo di stranieri. Intervengono Questura e Polizia locale

Foto: ildolomiti.it
Di Donatello Baldo - 14 novembre 2017 - 11:00

TRENTO. Mattinata movimentata questa mattina in centro città. Una lite tra un gruppetto di stranieri, scoppiata in piazza Dante non si sa per quale motivo, si è poi spostata verso via Roma, via Manci e Oss Mazzurana davanti all'ingresso del teatro Sociale.

Botte vere e proprie in centro non ce ne sono state, ma il gruppo di immigrati che si rincorreva ha messo in allarme i passanti che a quell'ora popolavano le vie del centro storico. Agenti della Questura e Polizia locale sono intervenuti immediatamente fermando i litiganti.

Uno è stato raggiunto all'incrocio tra via Manci e via San Pietro, ammanettato e caricato in macchina. Un altro, lievemente ferito all'occhio, davanti al teatro Sociale in via Oss Mazzurana, anche questo portato in questura per accertare le identità e le responsabilità.

Lungo le vie del centro gli agenti hanno recuperato alcuni rami staccati dagli alberi che i litiganti usavano durante lo scontro come bastoni, e forse uno di questi ha ferito uno di loro all'occhio. 

 

(Foto: ildolomiti.it)

 

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 18 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 06:01

Con l'appello si chiede la progressiva eliminazione dell'uso dei pesticidi di sintesi in agricoltura e l'istituzione di un biodistretto sull'intero territorio della regione. Sono tre i candidati presidenti che fino ad oggi hanno firmato: Antonella Valer, Filippo Castaldini e Filippo Degasperi.

18 ottobre - 20:21

In moltissimi questo pomeriggio ad accogliere Silvio Berlusconi a Trento. Toni molti duri nei confronti del Governo che "sta facendo fare brutta figura all'Italia" e verso i 5 Stelle "Che non sanno fare nulla" 

18 ottobre - 19:43

Preoccupato per le politiche nazionali che potrebbero minare l'unità dell'Europa: "Una scelta suicida affidarsi a loro perché la vostra autonomia è nata dentro l'Europa unita". Giorgio Tonini: "Salvini non ha nemmeno permesso a Fugatti di mettere il suo nome nel simbolo. Che autonomia sarà se nemmeno il governatore sarà autonomo dal governo nazionale?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato