Contenuto sponsorizzato

Parapiglia in città, la lite scoppia in piazza Dante ma si rincorrono con i bastoni per le vie del centro

Paura tra i passanti che hanno assistito all'inseguimento tra un gruppo di stranieri. Intervengono Questura e Polizia locale

Foto: ildolomiti.it
Di Donatello Baldo - 14 November 2017 - 11:00

TRENTO. Mattinata movimentata questa mattina in centro città. Una lite tra un gruppetto di stranieri, scoppiata in piazza Dante non si sa per quale motivo, si è poi spostata verso via Roma, via Manci e Oss Mazzurana davanti all'ingresso del teatro Sociale.


Botte vere e proprie in centro non ce ne sono state, ma il gruppo di immigrati che si rincorreva ha messo in allarme i passanti che a quell'ora popolavano le vie del centro storico. Agenti della Questura e Polizia locale sono intervenuti immediatamente fermando i litiganti.


Uno è stato raggiunto all'incrocio tra via Manci e via San Pietro, ammanettato e caricato in macchina. Un altro, lievemente ferito all'occhio, davanti al teatro Sociale in via Oss Mazzurana, anche questo portato in questura per accertare le identità e le responsabilità.


Lungo le vie del centro gli agenti hanno recuperato alcuni rami staccati dagli alberi che i litiganti usavano durante lo scontro come bastoni, e forse uno di questi ha ferito uno di loro all'occhio. 

 

(Foto: ildolomiti.it)

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 March - 18:00

Le misure che entreranno in vigore sono del tutto simili a quelle che vennero adottate per i Comuni di Cembra Lisignago, Castello Tesino, Bedollo e Baselga di Pinè. L'ordinanza rimarrà in vigore fino al 19 marzo 

04 March - 18:57

Tre di questi nuovi casi sono stati riscontrati rispettivamente in tre nuovi comuni altoatesini. Attualmente è in corso il contact tracing per verificare se e come i nuovi casi siano correlati ad altri già noti

04 March - 18:01

Le analisi hanno confermato la positività alla variante inglese di un caso legato ai contagi rilevati fra i dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme. Il sindaco di Cavalese: “In molte altre strutture del Trentino le terapie intensive sono sature e quindi non è escluso che a Cavalese riaprano alcuni reparti Covid per accogliere questi pazienti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato