Contenuto sponsorizzato

Per gli studenti universitari il volontariato con i rifugiati fa curriculum

Per chi aderisce sul libretto universitario, accanto agli esami del proprio corso di studio, potrà essere registrato il il "SuXr come credito formativo extra

 

Pubblicato il - 21 ottobre 2017 - 13:07

TRENTO. Dare la possibilità agli universitari di valorizzare il proprio impegno nell'ambito del volontariato facendolo diventare a tutti gli effetti un insegnamento dell'Università di Trento.

 

Riparte quest’anno il progetto “SuXr: studenti richiedenti asilo in Università”, inserito fra le azioni realizzate dall’Università degli Studi di Trento in collaborazione col Cinformi e la Provincia autonoma di Trento.

 

L'intenzione, come già accennato, è avvicinare gli studenti al mondo del volontariato, anche in un’ottica di comprensione partecipata del fenomeno. L'iniziativa si propone come momento di incontro tra domanda e offerta proprio nel settore del volontariato e quindi utile per creare i presupposti per l’inserimento sociale degli studenti richiedenti asilo, attraverso l’interazione con l’Ateneo e i suoi studenti.

 

La partecipazione è aperta a tutti gli studenti iscritti all’Università degli Studi di Trento. Le realtà coinvolte sono Centro Astalli Trento, Atas Onlus, Fondazione Comunità Solidale, Kaleidoscopio, Punto d’Approdo, Infusione, Cooperativa Arcobaleno, Associazione More e Il Gioco degli Specchi. Agli studenti che decideranno prendere parte al progetto, sul libretto universitario, accanto ai tanti esami del proprio corso di studio, potrà essere registrato anche il “SuXr” come credito formativo extra-curriculare. 

 

 

Il programma degli incontri

 

Incontro informativo con le Associazioni
25 ottobre, ore 14:30 - 17.00 - Sala Conferenze, Facoltà di Economia – Trento

 

Incontri formativi
8 novembre, ore 18.00 - 20.00 - Sala Conferenze, Facoltà di Economia - Trento
“Il sistema di accoglienza italiano di richiedenti e beneficiari di protezione internazionale”; prof. Fulvio Cortese, Giurisprudenza

14 novembre, ore 17.30 - 19-30 - Aula 2, Facoltà di Giurisprudenza - Trento
“I rifugiati: una prospettiva storica”; prof. Giuseppe Sciortino, Sociologia e Ricerca Sociale

28 novembre, ore 18.00 - 20.00 - Sala Conferenze, Facoltà di Economia - Trento
“Aspetti psicologici nel lavoro con i rifugiati”; prof. Ezio Elasdi, Psicologia e Scienze Cognitive

6 dicembre, ore 18.00 - 20.00 - Sala Conferenze, Facoltà di Economia - Trento
“L’italiano nel repertorio linguistico dei rifugiati”; prof. Patrizia Cordin, Lettere e Filosofia

11 dicembre, ore 18.00 - 20.00 - Sala Conferenze, Facoltà di Economia - Trento
"Donne, bambini e minori non accompagnati nei flussi dei rifugiati”; prof. Ester Gallo, Sociologia e Ricerca Sociale

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

26 ottobre - 17:59

Sono stati analizzati 983 tamponi, 113 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi sale a 11,5%. A fronte di un leggero aumento rispetto a ieri dei 104 casi in valore assoluto (5,7%), il dato percentuale è praticamente raddoppiato. Sono 10 le persone in più in ospedale per Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato