Contenuto sponsorizzato

Vaccini, 'resistono' in 95. ''Da martedì vietato l'ingresso in classe ai bambini che non sono in regola''

Rossi: "Tranquilli, non abbiamo intenzione di schierare né gli Alpini né gli Schützen e nemmeno i nostri forestali ma i dirigenti degli istituti sapranno essere molto convincenti, ne sono sicuro. Lo facciamo nell'interesse della salute pubblica"

Di db - 20 October 2017 - 14:52

TRENTO. Sono rimasti in 95, sono i bambini che ad oggi non sono 'conformi' alla legge sull'obbligatorietà vaccinale. Numeri destinati in queste ore a diminuire ma si prevede che uno zoccolo duro vorrà sfidare il termine ultimo che scade martedì prossimo 24 ottobre, quando sarà impedito fisicamente l'ingresso a scuola per chi non fosse vaccinato o non avesse l'impegnativa per la vaccinazione. 

 

Al 21 settembre scorso, data prevista dalla delibera della Giunta per mettersi in regola, erano 1.387 i bambini trentini non conformi. Ai genitori, subito dopo, fu inviata una raccomandata: tempo 30 giorni per regolarizzare la posizione altrimenti scatta l'esclusione dagli istituti scolastici.

 

In molti si sono adeguati ma altri resistono. "Il nostro appello - spiega il governatore Ugo Rossi - è quello di usare questi ultimi giorni per mettersi in regola con la vaccinazione, c'è tempo, non succede nulla se si è in ritardo, ma prima o poi bisogna farlo. Lo dico nell'interesse di quei bambini ma anche nell'interesse di tutta la comunità".

 

"Abbiamo inviato ai genitori un ulteriore avviso reiterato - afferma - ma ora la responsabilità di evitare che qualcuno impedisca l'entrata a scuola è in capo alla famiglia. Siamo stati elastici ma il nostro obiettivo principale è la salute pubblica". 

 

Ma Rossi rassicura, anche con ironia: "Tranquilli, non abbiamo intenzione di schierare né gli Alpini né gli Schützen e nemmeno i nostri forestali ma i dirigenti degli istituti sapranno essere molto convincenti, ne sono sicuro".

 

Tecnicamente, i dirigenti hanno in mano l'elenco aggiornato e se non martedì, dai giorni successivi ai bambini non 'conformi' alla legge sarà impedito l'ingresso a scuola. "Useremo tutto il buon senso, qui non saranno necessari i carabinieri davanti alle scuole, ma la legge dev'essere rispettata, alternative non ce ne sono". 

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 27 settembre 2022
Telegiornale
27 Sep 2022 - ore 22:18
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
28 settembre - 10:09
Il presidente di Levico Terme, Mario Malossini: "Per ora resto alla guida della società che è solida e con una squadra molto coesa. [...]
Cronaca
28 settembre - 10:03
Sul posto i carabinieri, difficolto nel traffico con code e rallentamenti 
Politica
28 settembre - 06:01
L’intervista allo storico trentino Francesco Filippi: “Non credo che tutti quelli che hanno votato per Meloni siano dei nostalgici, quello che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato