Contenuto sponsorizzato

Adunata degli Alpini, dall'Ex Sit all'ex Zuffo: ecco i parcheggi di attestamento chiusi in città

L'unico parcheggio libero nelle vicinanze del centro, fino alla giornata di sabato, sarà esclusivamente il parcheggio di via Monte Baldo dalle ore 7 alle 19

Pubblicato il - 04 maggio 2018 - 20:41

TRENTO. Per i pendolari sarà disponibile solo un parcheggio da 1200 posti in zona industriale a Ravina e servito dalle linee dell'autobus 12 e 14. Per la 91esima Adunata degli Alpini di Trento molti parcheggi cittadini non saranno disponibili.

 

In particolare, già da lunedì 7 maggio, non sarà possibile lasciare l'auto in via Sanseverino, all'Ex Sit di via Canestrini e all'ex Zuffo.

 

L'unico parcheggio libero nelle vicinanze del centro, fino alla giornata di sabato, sarà esclusivamente il parcheggio di via Monte Baldo dalle ore 7 alle 19 (dopo tale orario nel parcheggio vige il divieto di sosta e fermata).

 

E' dunque consigliabile lasciare l'auto nei parcheggi liberi in zona nord e in zona sud utilizzando poi, per raggiungere il centro, il mezzo pubblico. Si raccomanda inoltre il ricorso al car pooling.

 

A Ravina, nella zona industriale limitrofa alla nuova rotatoria, sono disponibili alcune aree che possono contenere fino a 1200 auto. La zona sarà servita dalle linee 12 e 14 dell'autobus, che osserverà orario normale fino a giovedì, mentre il venerdì e il sabato avrà un orario potenziato con un arco di servizio che raggiungerà le 22 ore.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato