Contenuto sponsorizzato

Aveva confezionato molotov e danneggiato i bancomat, esce dal carcere e va in comunità in attesa del processo

Lino Pallaoro, il commerciante di 54 anni di Pergine arrestato nel maggio scorso, attenderà l'udienza fissata a novembre all'interno di una struttura riabilitativa. La difesa ha convinto i giudici: "Stato psicofisico incompatibile con il carcere"

Pubblicato il - 02 settembre 2018 - 10:06

TRENTO. Aveva confezionato tre molotov e le aveva posizionate nella zona del mercato di piazza D'Arogno, ma sempre lui - secondo gli inquirenti - ne avrebbe fatte esplodere altre nel centro di Pergine. E sempre a lui vengono addossate le responsabilità per aver danneggiato le tastiere dei bancomat e il citofono del sindaco, sempre a Pergine.

 

Per questo nel maggio scorso Lino Pallaoro era stato arrestato con l'accusa di fabbricazione di ordigni esplosivi e danneggiamento. Subito dopo l'arresto, eseguito dalla Polizia, che con una breve indagine aveva individuato il commerciante di 54 anni, Pallaoro era stato trasferito alla casa circondariale di Spini di Gardolo.

 

Dopo tre mesi di custodia cautelare in carcere, potrà uscire. Le sue condizioni di salute psico-fisica sono molto debilitate e la difesa è riuscita a convincere i giudici: potrà attendere l'udienza preliminare fissata per il prossimo novembre in una struttura riabilitativa. Nei giorni scorsi è quindi entrato in una comunità, in attesa del processo. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 16:33

Il punto vendita sarà aperto in piazza Venezia 12 la prossima settimana. All'interno si potranno trovare formaggi, ortaggi ma anche un punto lettura e tanto altro

02 giugno - 12:50

Nel giorno della festa della Repubblica non poteva mancare la consueta polemica etnica alimentata dall'associazione focloristica sudtirolese, che per l'occasione ha tappezzato i cartelli ai margini della provincia di adesivi dal doppio polemico significato, contro l'ingiustizia storica subita nel 1918 e contro la gestione di Roma dell'emergenza Coronavirus. La reazione della destra italiana non è tardata ad arrivare

02 giugno - 08:53

Situazione drammatica per le tante imprese che si occupano di trasportare persone e che sono state colpite dal crisi provocata dall'emergenza sanitaria. Tra le richieste quelle di trovare soluzione per contenere le principali voci di costo e al tempo stesso lavorare su interventi in grado di stimolare una nuova domanda di trasporti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato