Contenuto sponsorizzato

Incendiò il bosco a causa di un farmaco, assolto un 70enne malato di Parkinson

Il giudice ha deciso di assolverlo per incapacità di intendere e volere. Il farmaco preso contro il Parkinson può portare al non controllo degli impulsi  

Pubblicato il - 19 February 2019 - 08:51

TRENTO. Assolto per incapacità di intendere e di volere perché il fatto che appiccava incendi nei boschi era causato da un farmaco preso perché malato di parkinson.

 

Questa la sentenza per un settantenne trentino che è stato assolto dall'accusa di incendio boschivo. Secondo infatti il giudice al momento in cui appiccava il fuoco era incapace di intendere e volere perché sotto l'effetto di un farmaco a base di ropinorolo che faceva nascere nell'uomo un comportamento criminale.

 

Il ropinorolo è utilizzato da solo o in combinazione con altri farmaci per trattare i sintomi della malattia di Parkinson. Ci possono però essere degli effetti indesiderati che possono riguardare la mancanza di controllo di certi impulsi.

 

L'uomo era stato arrestato nel 2017 e dopo 4 mesi di arresti domiciliari era tornato in libertà con l'obbligo però di non lasciare il proprio paese. A seguito di tre perizie psichiatriche si è arrivati alla sentenza e all'assoluzione dell'uomo.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 maggio - 11:16
Il sindaco di Tenno interviene su Facebook per chiedere ai cittadini di non abbassare la guardia: "Non vorrei che facessimo un passo avanti [...]
Politica
16 maggio - 09:58
Dopo le polemiche sui post contro il Governo e Mattarella interviene l’esponente di Fratelli d’Italia: “Sono una persona pacifica, ho [...]
Politica
16 maggio - 06:01
Per via dei protocolli anti-Covid i posti nei nidi d’infanzia sono meno e a Trento sono ben 300 le richieste che non sono state accolte. A [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato