Contenuto sponsorizzato

Bidoni con sostanze potenzialmente cancerogene abbandonate al parco giochi per bambini

Si trovavano al parco Fedrigotti di Borgo Sacco a Rovereto e contengono un prodotto utilizzato per costruire pavimenti anti-caduta. Il Comune ha assicurato la rimozione: "Non deve accadere, è inconcepibile. In questi giorni si sta costruendo un gioco per bambini ma questo non giustifica che si lascino sostanze esposte al pubblico"

Pubblicato il - 16 agosto 2018 - 19:17

ROVERETO. Due bidoni e un sacchetto delle immondizie abbandonati in mezzo al parco Fedrigotti, posto tra la via omonima e via Vittoria, a Borgo Sacco. Un nastro bianco e rosso attorno, una precauzione decisamente inefficace a tenere lontane le persone, soprattutto i bambini.

 

Per quanto si legge in etichetta, i due fusti dovrebbero stare altrove, non sicuramente lì, esposti alla possibilità che qualcuno entri in contatto con il contenuto, anche se sembra siano vuoti. C'è scritto "H351", e secondo la legge che definisce l'etichettatura di sostanze pericolose, significa "Attenzione, prodotto sospettato di provocare il cancro".

 

La sostanza in questione, prodotta dalla Vervit di Rovereto, è utilizzata per la costruzione di pavimenti anti-trauma, quelli usati per la base dei giochi per bambini nei parchi pubblici. Ma questo non giustifica che sia stata abbandonata a se stessa, neppure per il ponte di Ferragosto o fosse anche per la pausa pranzo.

 

Per capirsi, il prodotto industriale contenente queste sostanze deve essere trattato con un'attenzione particolare: "Le attività devono tassativamente essere effettuate in modo da non coinvolgere persone estranee. Il numero dei lavoratori esposti dovrà essere limitato a quello strettamente necessario". Questo si legge nei manuali diffusi reperibili sul web.

 

E ancora: "L’operatore dovrà provvedere, dopo l’uso, alla sistematica pulizia di attrezzature, ambienti, ecc; i guanti devono essere accuratamente selezionati per offrire la giusta barriera di protezione. Per maggiore sicurezza, in alcuni casi, può essere indossato un doppio paio di guanti".

 

"No, non è consentito lasciare abbandonati bidoni contenenti sostanze, nemmeno se fossero del tutto innocue. A maggior ragione  - spiega un tecnico del Comune, subito avvertito - le sostanze pericolose devono essere trattate con la massima attenzione e non possono essere lasciate esposte al pubblico".

 

"Ora invio subito sul posto una nostra squadra per fare una verifica", spiega. La notizia, arrivata attraverso una mail anche ai vigili urbani, è stata diffusa da un passante, che ha pensato bene di postare anche su Facebook le fotografie dei bidoni abbandonati nel parco.

 

"In questi giorni stanno costruendo un gioco per i bambini", ammette il tecnico del Comune di Rovereto, e una delle ipotesi è che la ditta incaricata abbia lasciato incustodite le taniche di prodotto. "Le faremo subito rimuovere - assicura - e cercheremo di capire chi le ha abbandonate. Soprattutto - conclude - cercheremo di evitare che questo possa nuovamente accadere".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 giugno - 06:01

Ci sono date che incarnano più di altre i passaggi decisivi della storia di un Paese. Il 2 giugno 1946 ha per una famiglia roveretana una doppia valenza, legata alla vicenda di un fante partito per la guerra in Africa settentrionale, caduto prigioniero degli inglesi e ritornato in patria proprio quando c'era da decidere tra "Repubblica" e "Monarchia". Riabbracciati i propri cari, Aldo Farinati non avrebbe avuto dubbi su cosa votare

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato