Contenuto sponsorizzato

Blitz dei carabinieri al Ledro beach party, sei studentesse minorenni multate per birra e superalcolici

Nei guai anche un 18enne perché molesto per lo stato di ebbrezza. Un 23enne pizzicato con la marijuana

Pubblicato il - 21 agosto 2018 - 11:18

LEDRO. Tanti giovani nei guai dopo il blitz dei carabinieri al Ledro beach party. I controlli sono scattati sabato sera alla spiaggia di Besta, quando la festa è entrata nel vivo subito dopo i fuochi d'artificio.

 

Sei i minorenni trovati in possesso di bevande alcoliche e sanzionati. Sono tutte studentesse le ragazze finite nel mirino, due bresciane di 16 anni, un’altra 16enne di Riva del Garda e due sorelle, sempre rivane, rispettivamente di 17 e 13 anni, trovate mentre bevevano birra e superalcolici. Nessuna era alla festa con i genitori. Per tutte la sanzione è di 100 euro.

 

Un operaio albanese residente a Rovereto, 18enne, invece è stato sanzionato per ubriachezza: l’eccesso di alcool lo ha reso particolarmente molesto e per questo è stato multato di 100 euro.

 

Un 23enne studente veronese è stato invece trovato in possesso di marijuana, ovviamente sequestrata. Il giovane è stato segnalato al commissariato di governo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato