Contenuto sponsorizzato

Pochi grammi di marijuana e hashish, tanti giovani nei guai: da Storo ad Arco e Ledro denunce per droga e alcol

A cavallo di Ferragosto i carabinieri hanno operato una serie di controlli. L'intervento più importante a una festa di paese dove un ragazzo, poi identificato in B.N., 19enne di Bagolino, barista, aveva 10 grammi di hashish negli slip e altri 53 a casa

Pubblicato il - 16 agosto 2018 - 12:24

RIVA DEL GARDA. Pochi grammi di sostanze stupefacenti, tanti giovani finiti nei guai. Il ferragosto di controlli dei carabinieri nella zona dell'alto Garda e Ledro ha portato a fermare tanti ragazzi in possesso di piccoli quantitativi di marijuana e hashish. Nel dettaglio un 26enne di Arco è stato trovato in possesso di mezzo grammo di marijuana. Si trovava nei giardini del Casinò ed alla vista dei militari ha tentato vanamente di disfarsi della droga. Naturale conseguenza è stata il sequestro della sostanza e la segnalazione al commissariato del Governo.

 

Anche a Ledro sono stati effettuati controlli che hanno consentito di segnalare per detenzione per uso personale un 19enne di Segrate (Milano), studente, in vacanza con altri amici, tra cui diversi minorenni, perché in possesso di hashish e marijuana. Sono stati poi i carabinieri di Storo a sequestrare ad un giovane 19enne di Lumezzane (Brescia) il possesso di mezzo grammo di hashish.

 

Sempre i Carabinieri di Storo e sempre nel contesto di una festa di paese hanno adocchiato un ragazzo, poi identificato in B.N., 19enne di Bagolino, barista, che si aggirava tra i gruppi di giovani presenti. L’atteggiamento particolare ha attirato l’attenzione dei carabinieri che dopo averlo seguito per un po’ lo hanno controllato e trovato in possesso 10 grammi di hashish occultati negli slip. La perquisizione è proseguita a casa dove sono stati trovati altri 53 grammi, due bilancini di precisione e materiale per il confezionamento. Per il 19enne è scattata la denuncia a piede libero per detenzione a fini di spaccio.

 

I carabinieri di Arco, invece, alla vigilia di Ferragosto hanno fermato e controllato due minori, entrambi classe 2000, della provincia di Modena che erano in possesso di venti grammi ciascuno di hashish, a loro dire per uso personale, ma le modalità di confezionamento non hanno lasciato dubbi circa la detenzione ai fini di spaccio e per i due ragazzi è partita una denuncia in stato di libertà che è stata trasmessa alla procura della repubblica del Tribunale per i Minorenni di Trento. Terminati gli atti i due sono stati riconsegnati ai genitori, che si sono detti ignari di tutto.

 

Anche i controlli in tema di abuso di alcool alla guida ha fatto le sue “vittime”: 3 i conducenti controllati e sanzionati, di cui due penalmente perché con tassi alcomelici superiori ai limiti del Codice della Strada ed uno in via amministrativa. Per tutti il ritiro della patente, in attesa dei provvedimenti delle Autorità competenti. In totale sono state 5 le persone denunciate all’autorità giudiziaria e 11 al commissariato del governo per le sanzioni amministrative. 111 le persone controllate, 76 i veicoli. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato