Contenuto sponsorizzato

C'è Di Stefano per CasaPound e gli anarchici lo ''accolgono'' con fumogeni e petardi: ''Via i fascisti''

Il partito di estrema destra tiene un incontro di campagna elettorale. Una cinquantina di anarchici si sono presentati a volto coperto e spranghe per lanciare fumogeni e petardi. Carica di alleggerimento della polizia

Pubblicato il - 14 ottobre 2018 - 20:05

TRENTO. Alta tensione tra Corso Alpini e piazza Cantore. Tra slogan, petardi e fumogeni, la zona è completamente isolata dalla polizia.

 

L'hotel Everest ospita alle 20 l'incontro di Simone Di Stefano, tra i fondatori di CasaPound, attualmente segretario nazionale, in Trentino per la campagna elettorale del partito di estrema destra.

 

Un appuntamento che è diventato l’occasione per un incontro a distanza tra i due gruppi di opposta fede politica. 

 

Una cinquantina di anarchici, coperti in volto e armati di spranghe, si è radunata in piazza Cantore per muoversi verso l'albergo tra slogan "Fuori i fascisti dalla città" e "Fascisti, fascisti tornate nelle fogne".

 

L'area è presidiata dalla forze dell'ordine che hanno blindato la zona e hanno effettuato una carica di alleggerimento con lacrimogeni per evitare che le due fazioni potessero arrivare a contatto. 

 

Un lancio che ha fatto disperdere e ripiegare gli anarchici che si sono radunati in piazza Cantore, mentre i residenti della zona si sono trovati costretti a chiudere le finestre per l'odore acre di lacrimogeni e fumogeni.

 

Nel frattempo l'incontro è iniziato regolarmente, mentre gli anarchici, una volta ricompattati, si sono diretti verso la città lungo via Fratelli Fontana.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 15:38

L'attività di prevenzione e repressione delle violazioni in materia di "tutela della salute", "sicurezza prodotti" e "contraffazione" si è intensificata nel corso dell'emergenza sanitaria per Covid-19 e i finanzieri hanno stroncato un illecito da oltre 100.000 euro, un volume d'affari che corrisponde al valore commerciale delle mascherine se fossero state immesse sul mercato

27 maggio - 12:03

E' successo questa mattina. I due uomini stavano risalendo il canalone con i ramponi quando, probabilmente, sono stati investiti da una scarica di sassi e Zenatti ha perso l'equilibrio

27 maggio - 15:58
L'allerta è scattata intorno alle 15.30 in località Cercenà di Roncone sul territorio di Sella Giudicarie. Secondo le prime informazioni, una persona stava effettuando alcuni lavori in zona del rifugio la Rocca a quota 1.000 metri
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato