Contenuto sponsorizzato

Code e rallentamenti in Valsugana, strada ghiacciata, mezzi spargisale in azione e un incidente

Problemi al traffico si stanno avendo anche alla fine della galleria di Martignano in direzione Bolzano

Foto archivio
Pubblicato il - 04 dicembre 2018 - 08:21

BORGO VALSUGANA. Strada ghiacciata e mezzi spargisale in azione questa mattina sulla strada statale della Valsugana, la SS47. A rendere la situazione ancora più complica è un incidente, altezza dell'ex Bailo, tra Borgo e Roncegno in direzione Trento, dove sembrerebbe coinvolta solo una macchina uscita di strada a causa del fondo stradale ghiacciato.

 

L'incidente non sembra essere grave ma ha comunque creato problemi al traffico con rallentamenti e code.

 

Il ghiaccio che si è creato sull'asfalto nelle ore notturne, dopo il calo delle temperature degli ultimi giorni, sta creando non pochi problemi. Dalle prime ore di questa mattina, come già detto, sono in azione i mezzi spargisale.

 

Forti rallentamenti sono stati segnalati anche alla fine della galleria di Martignano in direzione Bolzano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 11:23

Nelle ultime 24 ore sono stati individuati 547 positivi in un solo giorno, il rapporto contagi/tamponi schizza al 17,65%. Quasi 8.300 persone in isolamento. Purtroppo si contano anche 4 vittime legate al coronavirus

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:31

In Italia ci sono 11 Regioni classificate a rischio elevato, mentre Calabria, Lombardia, Piemonte e la provincia di Bolzano sono già entrate nello “scenario 4”, il peggiore. L’esperto del Ministero: “La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e non è un buon indicatore”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato