Contenuto sponsorizzato

Crollano ponte e strada, il Soccorso alpino salva con una teleferica quattro escursionisti e tre pompieri

E' successo sul passo Manghen. I vigili del fuoco si sono portati in quota per soccorrere quattro persone, ma sono rimasti tutti bloccati per il crollo del ponte sul torrente Cadino

Di L.A. - 29 ottobre 2018 - 15:22

MOLINA DI FIEMME. Anche il Soccorso alpino in prima linea per far fronte all'ondata di maltempo che imperversa in tutto il territorio provinciale.

 

Le unità del Soccorso alpino sono intervenuti in Val di Cadino a 1.890 metri sul passo Manghen per portare in salvo alcuni escursionisti e tre vigili del fuoco saliti in quota a loro volta per soccorre le quattro persone, classe '98 e '99 di Civezzano e classe '87 e '35 di Molina, rimaste bloccate e isolate per il crollo del ponte sul torrente Cadino

I quattro escursionisti hanno trascorso la notte in due baite, vista la situazione i pompieri sono intervenuti per portare in salvo le persone, ma questa mattina con il crollo del ponte sono rimasti tutti bloccati nel tentativo di tornare a Molina di Fiemme.

 

A quel punto sono entrati in azione gli uomini del Soccorso alpino che hanno organizzato una teleferica per circa 20 metri per permettere il passaggio nel rio che nell'impeto ha abbattuto diversi alberi e un ponte, ma anche diversi tratti di strada sul Manghen.

Il passo che collega Molina e Telve rimane chiuso e si registrano inoltre ingenti danni all'acquedotto del Comune fiemmese.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato