Contenuto sponsorizzato

Dalla Provincia nuovi contributi alle imprese per l'acquisto di autovetture elettriche e ibride plug-in e di motoveicoli elettrici

I contributi alle imprese dovranno avere un importo di spesa inferiore ai 300 mila euro e saranno gestiti attraverso il Confidi con il sistema della compensazione fiscale

Pubblicato il - 09 settembre 2018 - 20:49

TRENTO. La Provincia di Trento ha deciso di stanziare nuovi contributi alle imprese per l'acquisto di autovetture elettriche e ibride plug-in e di motoveicoli elettrici.

 

I contributi alle imprese dovranno avere un importo di spesa inferiore ai 300 mila euro e saranno gestiti attraverso il Confidi con il sistema della compensazione fiscale. In altre parale, la Provincia autonoma di Trento non effettuerà l’effettiva liquidazione del contributo ma i beneficiari potranno utilizzare l’importo del contributo a deduzione di quanto dovuto per qualsiasi imposto o contributo da versare tramite il modello F24.

 

Nel caso di motoveicoli elettrici, questi dovranno essere di prima immatricolazione, nuovi o semestrali con meno di sei mesi di vita e 6 mila chilometri. Il provvedimento garantisce fondi pubblici anche nel caso di acquisto di ciclomotori di prima immatricolazione e per interventi di modifica dell’alimentazione di veicoli con motore tradizionale. Altra categorie di acquisti ammessi a contributo sono quelli di colonnine di ricarica di veicoli ed ebike (già oggetto di una precedente delibera). 

 

I contributi previsti variano in relazione al numero di autoveicoli acquistati nella logica di incentivare la creazione dei flotte aziendali sempre più elettriche, tenendo però conto di un tessuto di imprese costituito in Trentino da aziende di piccole dimensioni che hanno una dotazione minima di mezzi. L’importo del contributo varierà a seconda dei seguenti casi:

 

-autoveicoli elettrici, il contributo varia da 4 a 6 mila euro per ciascun veicolo;

-Autoveicoli ibridi plugin varia invece da 2 a 3 mila euro per ciascun veicolo;

-Motoveicoli elettrico, il contributo di 1500 euro, fino ad un limite massimo pari al 50% del valore della spesa di acquisto; 

-per ogni ciclomotore elettrico ammonta a 750 euro con un massimo del 50% sulla spesa di acquisto;

-sulle spese per la modifica dell’alimentazione è pari a 5 mila euro della spesa ammissibile;

 

Sulle spese per l’acquisto di colonnine di ricarica è, infine, pari al 60% della spesa ammissibile. Nel caso di colonnine per autoveicoli il numero massimo è di 5 colonnine per unità locale e massimo 50 per richiedente; mentre per ebike l’impresa potrà beneficiare dei contributi per l’acquisto di 1 colonnina per unità locale e massimo 20 per richiedente.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato