Contenuto sponsorizzato

Dramma alla Marmolada Historic Trail, muore d'infarto un atleta: Marco Cantù

L'uomo aveva 57 anni e stava affrontando il muro di Porta Vescovo quando si è accasciato a terra

Pubblicato il - 01 luglio 2018 - 17:53

PASSO FEDAIA. Dramma quest'oggi alla gara di corsa in montagna Marmolada Historic Trail, una corsa molto impegnativa lunga 21 chilometri che si sviluppa da Passo Fedaia al Rifugio Padon attraversando i luoghi della Prima Guerra mondiale e affrontando un dislivello positivo di 1300 metri e uno negativo di 1000 metri. Ebbene intorno alle 10.40 è scattato l'allarme: uno dei partecipanti era stato colto da un infarto fulminante che non gli ha lasciato scampo.

 

Si tratta di Marco Cantù, 57 anni, residente a Dosolo in provincia di Mantova. Partito come gli altri atleti da Passo Fedaia si è sentito male all'altezza del muro di Porta Vescovo e si è accasciato al suolo. Poco dietro di lui, c'era una ragazza appartenente al Soccorso alpino che immediatamente lo ha raggiunto per soccorrerlo e valutare le condizioni dell'uomo. E' stato quindi chiamato il 118. 

 

Quando però la situazione è peggiorata, la soccorritrice ha iniziato a praticargli le manovre di rianimazione assieme ad altre persone accorse, fintanto che non è sopraggiunto l'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites. Sbarcato sul posto, il personale medico è subentrato nelle procedure d'emergenza, potendo poi purtroppo solo constatare il decesso dell'atleta. La salma ricomposta è stata poi trasportata ad Arabba, presenti i carabinieri e il Soccorso alpino di Livinallongo

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 20:24

Sono 227 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

05 marzo - 19:50

E' emerso un focolaio allo studentato, 8 ragazzi a San Bartolameo sono risultati positivi e sono in corso in particolare le verifiche su un’altra quarantina di persone. Non si esclude che la diffusione di Covid sia riconducibile a una variante

05 marzo - 18:56

Ha frequentato una scuola di moda e dopo un periodo di gavetta, la 25enne è rimasta senza occupazione a causa della crisi innescata dall'emergenza Covid-19 ma non si è persa d'animo. Cecilia Bianchi: "Lavoravo in un negozio di tendaggi ma vista la situazione difficile mi sono ritrovata a casa. A quel punto ho iniziato a riflettere sul mio futuro con maggiore forza e ho deciso di rimettermi in gioco con energia con una mia attività"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato