Contenuto sponsorizzato

E' Giacomo Zafferani il 34enne morto questa mattina a Madonna di Campiglio

Il giovane, originario dalla Repubblica di San Marino è stato coinvolto in un incidente mortale in fuori pista verificatosi sullo Spinale a madonna di Campiglio

Pubblicato il - 20 March 2018 - 16:00

CAMPIGLIO. E' Giacomo Zafferani, il 34enne della Repubblica di San Marino, morto questa mattina in un gravissimo incidente a Madonna di Campiglio.

 

L’incidente mortale fuori pista si è verificato sullo Spinale a Madonna di Campiglio a seguito di una caduta con lo snowboard.

 

Immediato l'allarme lanciato dal resto della comitiva e sul posto si sono portati i soccorsi, compreso l'elicottero e la “Squadra di soccorso alpino Carabinieri” di Madonna di Campiglio.

 

Le condizioni del giovane si sono rivelate immediatamente gravi. Inutili purtroppo i soccorsi da parte dei sanitari, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso del ragazzo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 15:17

La denuncia della referente case di riposo, Piersanti: ''La struttura ha solo 10 posti letto accreditati come posti di sollievo a minore intensità assistenziale, gli altri sono sul libero mercato. Quindi solo per i 10 va rispettato il parametro assistenziale con le regole delle Rsa pubbliche''. A Mori si sono negativizzati 6 dei 14 ospiti positivi prima di venerdì

02 December - 15:42

La Protezione civile dell'Alto Adige ha comunicato che tra venerdì 4 dicembre e lunedì 7 la provincia sarà interessata da abbondanti e diffuse precipitazioni. Per questo, visto il rischio valanghe alto, i possibili disagi al traffico e altri scenari di emergenza, è stata diramata l'allerta al grado Alfa

02 December - 13:31

L'ordine degli Infermieri ha scritto una lettera al presidente Fugatti e all'assessora Segnana chiedendo interventi concreti "Per mettere nelle condizioni giuridiche e deontologiche di poter continuare a garantire l’assistenza nel miglior interesse del cittadino e per valorizzare le competenze degli infermieri". Anche negli scorsi mesi l'Opi ha scritto alla Provincia sottolineando alcune preoccupazioni. Non è però mai arrivata una risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato