Contenuto sponsorizzato

E' Johann Adam Gruenwald, 50enne austriaco, il base-jumper morto a Dro

L'incidente è avvenuto alle pendici del Monte Brento poco prima delle 13, dopo un volo di diverse centinaia di metri . Sul posto Soccorso Alpino e Vigili del Fuoco di Dro

Pubblicato il - 01 aprile 2018 - 17:29

DRO. E' Johann Adam Gruenwald, un 50enne austriasco, il base-jumper deceduto dopo il lancio dal Becco dell'Aquila, sul monte Brento. L'incidente è avvenuto poco prima delle 13 e sul posto si è portato il Soccorso Alpino con l'appoggio dell'elisoccorso. Impegnati nelle operazioni anche i Vigili del Fuoco di Dro

 

Inutili i soccorsi dopo il volo di molte centinaia di metri. Dalle prime informazioni sembra che si sia lanciato in coda a un amico. Il primo ha effettuato l'atterraggio regolarmente ma il secondo non sarebbe riuscito ad aprire il paracadute

 

L'impatto è avvenuto alla base del Monte Brento, a pochi metri da una strada forestale che attraversa la zona. Il corpo dell'uomo è stato recuperato a mano senza la necessità dell'elicottero e del verricello. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 novembre - 10:25

Una decisione irrevocabile, non c'è spazio di contrattazione o ripensamenti. A far traboccare il vaso è stato il mancato sostegno da parte di alcuni componenti di maggioranza sulle modifiche al Prg. "Non ci interessa 'tirare a campare': non intendiamo tradire nessun elettore che ha riposto in noi e nella nostra coalizione la propria fiducia". Ora verrà nominato un commissario per traghettare il Comune a prossime elezioni

19 novembre - 11:11

E' avvenuto al casello di Bolzano Sud, dove la squadra mobile della polizia del capoluogo altoatesino, impegnata in un regolare controllo anticrimine, ha fermato un veicolo con alla guida un pregiudicato 39enne. Dalla successiva perquisizione emergevano una consistente somma di denaro in contanti e 4 etti di cocaina nascosti nell'autoradio

19 novembre - 05:01

C'è voluta una richiesta di accesso agli atti dell'ex assessore Michele Dallapiccola per avere quelle conferme in più, che la Provincia fin dal primo momento non ha voluto comunicare: "Da veterinario alcuni aspetti nella relazione non mi convincono: farò delle interrogazioni". Intanto sulla vicenda è silenzio da piazza Dante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato