Contenuto sponsorizzato

E' stato ritrovato a Torino Cristian Gennaio. I famigliari lo cercavano da una settimana, si trovava a casa di amici

Il ritrovamento grazie al lavoro portato avanti dai Carabinieri di Arco. Il giovane non sapeva che tutti lo stavano cercando

Di gf - 11 maggio 2018 - 09:47

ARCO. Cristian Gennaio, il ventenne di Arco scomparso da circa una settimana, è stato rintracciato a Torino.

 

Cristian, secondo quando avevano affermato i famigliari, si è allontanato dalla sua abitazione, nella notte tra giovedì e venerdì scorsi, dicendo che sarebbe tornato ma facendo poi però perdere le sue tracce.

 

I famigliari, preoccupati, avevano quindi sporto denuncia per la scomparsa. Grazie all'importante lavoro di ricerca e indagine messo in campo da parte dei Carabinieri di Arco, ieri alle 16.30, il giovane è stato rintracciato.

 

I militari hanno infatti avviato una ricerca contattando anche tutti i vari amici di Cristian che risiedono fuori provincia. E' stato proprio al numero di telefono di uno di questi, residente a Torino, dal quale Cristian ha risposto.

 

Il ragazzo si è detto sorpreso per le ricerche. “Il giovane non sapeva di essere ricercato e aveva il telefono cellulare fuori uso. Si era allontanato da casa per passare dei giorni con degli amici non ritenendo di avvisare nessuno essendo maggiorenne” hanno spiegano le forze dell'ordine.

 

Immediatamente i Carabinieri si sono assicurati sulle buone condizioni di salute del giovane e i famigliari sono stati avvisati del ritrovamento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 marzo - 12:56

Il ministro della salute ha spiegato, durante la presentazione dei dati del Programma nazionale Esiti, la situazione per l'apparato sanitario: da un lato lo sguardo deve andare al domani e al servizio sanitario universale ma dall'altro c'è il problema imminente della pandemia e di una terza ondata che pare sempre più una realtà

01 marzo - 11:09

Kompatscher ha pubblicato alcuni insulti che gli sono stati recapitati via social, l’appello contro odio e fake news: “Informazioni fuorvianti possono portare a decisioni sbagliate e mettono a rischio la coesione e la fiducia che sarebbero necessarie ora per superare la crisi”

01 marzo - 11:10

La notizia è stata confermata dall'Azienda sanitaria altoatesina a il Dolomiti. In Provincia di Bolzano i controlli sulle varianti sono estesissimi e a pochi giorni fa erano già 630 i casi di mutazioni trovati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato