Contenuto sponsorizzato

Ecco il nuovo centro natatorio della Valsugana e del Tesino. Inaugurate le tre vasche coperte

I lavori di messa a norma e potenziamento dell’impianto natatorio di Borgo Valsugana sono stati finanziati dalla Provincia autonoma di Trento, per oltre 8.177.000 euro attraverso il Fondo investimenti comunali

Pubblicato il - 26 May 2018 - 15:44

BORGO VALSUGANA. Un impianto coperto con tre vasche che vanno ad aggiungersi alle vasche scoperte già esistenti. E' questo il nuovo impianto natatorio di Borgo Valsugana che servirà la comunità della Valsugana e del Tesino, inaugurato questa mattina dagli assessori Daldoss e Gilmozzi alla presenza di numerose persone e autorità locali. 

 

“Partendo da questo impianto di valore – ha detto l’assessore Daldoss – guardiamo con fiducia al futuro, anche pensando ai tanti giovani che lo utilizzeranno. Questa è la dimostrazione che se si mettono assieme le forze e le idee i risultati arrivano a beneficio di tutti. Siamo soddisfatti perché giunge a compimento un progetto impegnativo che si rivelerà però vincente per tutta la Valsugana e per il Trentino”. 
 


 

I lavori di messa a norma e potenziamento dell’impianto natatorio di Borgo Valsugana sono stati finanziati dalla Provincia autonoma di Trento, per oltre 8.177.000 euro attraverso il Fondo investimenti comunali di rilevanza provinciale e il Fondo sviluppo locale. L’impianto coperto, che si trova in via Gozzer 52, è di nuova realizzazione e si aggiunge alle vasche scoperte già esistenti. E’ dotato di tre vasche, dedicate alle diverse attività che vi si svolgeranno, comprendendo quelle sportive e quelle legate al benessere e alla salute. 

 


Il presidente della Comunità Attilio Pedenzini ha ringraziato la Provincia per il suo sostegno e ha sottolineato come quest’opera completi l’offerta del territorio. Il sindaco di Borgo Valsugana Fabio Dalledonne ha ricordato che si tratta di un’infrastruttura al servizio di tutti i comuni della zona. Don Daniele Laghi, in rappresentanza del Coni, ha posto l’accento sull’importanza che le infrastrutture possono avere anche per le relazioni tra le persone. Ha portato il suo saluto anche l’onorevole Stefania Segnana.

L’impianto sarà gestito dalla Rari Nantes Valsugana in un’ottica di rete con gli altri impianti presenti in zona: Pergine, Levico Terme, Roncegno e Castel Ivano, tutti rappresentati dal nuovo marchio “Water Way” che è stato ufficialmente presentato.  Sport, benessere e relazioni sono i temi scelti per essere rappresentati dal marchio e per descrivere l’obiettivo che la struttura vuole conseguire.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
16 agosto - 19:49
Il distacco è avvenuto verso la valle di San Nicolò da Cima dell'Uomo. L'allerta è scattata intorno alle 17.20 e subito sul posto si è portato [...]
Cronaca
16 agosto - 17:29
A Malga Agnerola nel comune di Imer ieri mattina si è consumato l'ennesimo attacco di lupi al bestiame della zona. I cani hanno fatto il loro [...]
Cronaca
16 agosto - 19:12
A settembre Trentino Trasporti è pronto a lanciare le selezioni per una cinquantina di posti anche in vista dei servizi turistici invernali. Sulla [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato