Contenuto sponsorizzato

Forzano il posto di blocco e dopo l'inseguimento vengono pizzicati con la droga, denunciati due giovani

I due giovani, del posto, non si sono fermati all'alt dei carabinieri. Dopo un inseguimento sono stati trovati in possesso di sostanza stupefacente 

Pubblicato il - 04 September 2018 - 16:31

CAVALESE. E' un vero e proprio inseguimento quello che è avvenuto ieri e che ha visto protagonisti due giovani della Val di Fiemme. Dopo essersi imbattiti in un posto di controllo messo in campo dai Carabinieri di Pedrazzo, hanno deciso di non fermarsi all'alt dei militari.

 

Questo ha fatto scattare l'inseguimento dell'autovettura che è terminato poco dopo. Da un controllo fatto dai carabinieri, i due giovani sono risultati positivi al possesso di stupefacente.

 

L'attività messa in campo dai carabinieri, negli ultimi mesi, ha permesso deferite a piede libero all'Autorità giudiziaria di Trento ulteriori 7 persone.

 

Accanto ai controlli stradali non sono mancate le denunce ricevute dalle Stazioni dislocate sull’intero territorio della Compagnia per reati in ambito familiare e lesioni personali, fortunatamente nessuna di grave entità.

 

Diverse segnalazioni anche per truffa, per lo più informatica, nel campo sempre più attuale degli acquisti on line di merce su siti e-commerce.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 March - 18:34

Dallo studentato di San Bartolameo l’appello di Sara che si fa portavoce di un gruppo di studenti: “Nessuno parla della responsabilità della struttura. Avevamo denunciato la festa, ma nessuno del personale era intervenuto”. Fontana: "Non escludiamo alcuna colpevolezza. Oggi però pensiamo ai tamponi. Anche i negativi rimarranno in quarantena finché non sarà scongiurato il pericolo"

07 March - 18:33

L'allerta è scattata a San Giovanni di Fassa. Il macchinario ha travolto e schiacciato una 72enne. In azione la macchina dei soccorsi

 

07 March - 16:05

Nella vicenda interviene anche Slow food Trentino Alto Adige, struttura autonoma con personalità giuridica propria, associata a Slow food international, rappresentata da Sergio Valentini. Questa realtà si è costituita ad adiuvandum. Il Comitato è assistito dagli avvocati Vanni Ceola e Federico Fedrizzi, mentre Slow food è rappresentata dagli avvocati Elina Scotti e Raffaele Bifulco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato