Contenuto sponsorizzato

Forzano il posto di blocco e dopo l'inseguimento vengono pizzicati con la droga, denunciati due giovani

I due giovani, del posto, non si sono fermati all'alt dei carabinieri. Dopo un inseguimento sono stati trovati in possesso di sostanza stupefacente 

Pubblicato il - 04 settembre 2018 - 16:31

CAVALESE. E' un vero e proprio inseguimento quello che è avvenuto ieri e che ha visto protagonisti due giovani della Val di Fiemme. Dopo essersi imbattiti in un posto di controllo messo in campo dai Carabinieri di Pedrazzo, hanno deciso di non fermarsi all'alt dei militari.

 

Questo ha fatto scattare l'inseguimento dell'autovettura che è terminato poco dopo. Da un controllo fatto dai carabinieri, i due giovani sono risultati positivi al possesso di stupefacente.

 

L'attività messa in campo dai carabinieri, negli ultimi mesi, ha permesso deferite a piede libero all'Autorità giudiziaria di Trento ulteriori 7 persone.

 

Accanto ai controlli stradali non sono mancate le denunce ricevute dalle Stazioni dislocate sull’intero territorio della Compagnia per reati in ambito familiare e lesioni personali, fortunatamente nessuna di grave entità.

 

Diverse segnalazioni anche per truffa, per lo più informatica, nel campo sempre più attuale degli acquisti on line di merce su siti e-commerce.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato