Contenuto sponsorizzato

Giorgio Conci ha perso la vita nei boschi mentre recuperava gli alberi schiantati dal maltempo

E' successo a Centa San Nicolò. Sul posto i sanitari che non hanno potuto far altro che constatare la morte avvenuta per cause naturali

Pubblicato il - 13 novembre 2018 - 11:43

CENTA SAN NICOLO'.  E' Giorgio Conci, assicuratore di Caldonazzo, l'uomo di 51 anni morto questa mattina per un malore mentre stava caricando sul suo trattore i tronchi degli alberi schiantati durante il maltempo. Si trovava nelle sue proprietà di Centa San Nicolò, sulla stradina che porta a Maso Fontai.

 

Uscito di casa la mattina presto, aveva deciso di lavorare nel bosco prima di recarsi al lavoro. Vero le 9.30 la scoperta del corpo accasciato a terra, vicino al trattore ancora acceso. L'uomo, presumibilmente, sentendosi male è sceso dal mezzo per poi cadere a terra lì vicino. 

 

L'allarme è stato lanciato da alcuni passanti e sul posto si sono portati subito le ambulanze e i vigili del fuoco. Anche l'elicottero sanitario ha immediatamente raggiunto la zona, ma i medici rianimatori non hanno potuto che constatare la morte. 

 

In un primo momento si pensava ad un infortunio causato da un incidente con il mezzo agricolo, ma sembra che il decesso sia invece avvenuto per cause naturali. Sul posto anche i carabinieri che, per l'asportazione della salma, hanno aspettato il nulla osta del magistrato di turno. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 13:07

Quando aveva 12 anni Ibrahim Songne è arrivato dal Burkina Faso a Trento. Qui ha studiato all'Enaip e dopo aver lavorato in un panificio-pasticceria ha deciso di realizzare il suo sogno di aprire un proprio locale. Nel 2018 in via Cavour a Trento apre "Ibris''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato