Contenuto sponsorizzato

Ha preso a pugni e rapinato un'anziana. Arrestato l'aggressore: è un 45enne del posto

E' successo a Levico, la donna ieri pomeriggio aveva aperto la porta di casa e ricevuto un pugno in pieno volto. Immediatamente sono iniziate le indagini dei carabinieri. Dopo poche ore l'uomo, in fuga, è stato bloccato 

Pubblicato il - 11 ottobre 2018 - 14:00

LEVICO. E' stato fermato e arrestato dai carabinieri della compagnia di Borgo Valsugana l'uomo che ieri pomeriggio, attorno alle 15.30, ha rapinato e aggredito un'anziana di 85 anni, mentre si trovava nella sua casa a Levico. Si tratta di un uomo di 45 anni del posto.

 

La donna aveva aperto la porta e subito era stata colpita in faccia da un pugno che l'aveva fatta cadere a terra. L'uomo, riuscito ad entrare in casa, aveva preso dei soldi dalla borsa e si era dato alla fuga.

 

Immediatamente erano state avviate le indagini da parte dei carabinieri per cercare di individuare il malvivente. Gli investigatori hanno diramato la descrizione di quest’uomo che sembra essere l’unico attore della rapina.

 

Sono stati forniti dati antropometrici, di come era vestito ed alcuni particolari, sicuramente inequivocabili per una identificazione certa del rapinatore. Alla ricerca hanno fin da subito partecipano tutte le pattuglie in servizio in quel momento nella Valsugana, tutte munite del preciso profilo del sospettato.

 

La signora rapinata, intanto, oltre alle cure del caso praticate in casa dal personale del 118, durante l’accompagnamento all’ospedale di Borgo Valsugana e durante gli accertamenti ospedalieri, è rimasta costantemente in compagnia di un militare dell’Arma, che l'ha confortata e soprattutto tranquillizzata. L’anziana ha raccontato le storie della sua vita e dei tanti viaggi fatti in tutto il mondo.

 

Nel frattempo, gli sforzi degli inquirenti, hanno dato i loro frutti. All’esterno di un supermercato levicense, è stato individuato il fuggiasco, tra due macchine, chino intento ad aprire una bevanda alcolica.

 

La descrizione grosso modo coincide e senza esitazione viene fermato. Inizialmente l'uomo si è dimostrato sorpreso del controllo, mantiene la calma, ma non risponde alle domande dei militari in modo esauriente.

 

Viene quindi accompagnato nella caserma di Levico, viene interrogato. Nega tutto, nonostante la sua situazione si aggravi minuto dopo minuto. Ma l’uomo viene riconosciuto dai testimoni e soprattutto dalla vittima che, seppur comprensibilmente scossa dall’accaduto, lo riconosce subito, senza esitazioni.

 

L’Autorità giudiziaria, nel sposare in pieno le risultanze investigative, ha disposto l’immediata carcerazione del reo nella casa circondariale di Trento.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 dicembre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 05:01

Firmato un protocollo con l'Istituto Trentino di Edilizia Abitativa per il controllo delle condizioni economiche dei soggetti che richiedono interventi agevolativi per le politiche abitative. L'assessora Segnana: "Il lavoro delle fiamme gialle è garanzia per tutti i cittadini"

12 dicembre - 19:09

Dalla Francia la conferma dell'aggravarsi della salute del reporter. L'intervento per estrarre il proiettile risulterebbe non eseguibile. Il prete: ''Siamo vicini ai suoi cari. Quest'odio deve finire"

12 dicembre - 17:30

La capogruppo in consiglio della Lega interviene sulla necessità di realizzare l'infrastruttura e spiegare quale sarà l'iter da seguire: ''L’obiettivo della Lega e della giunta Fugatti è di uscire dall'impasse infrastrutturale degli ultimi 15 anni di autonomia mal governata dal centro sinistra autonomista''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato