Contenuto sponsorizzato

Il cane di Ala che ha aggredito l'operatore di Trentino solidale rieducato al canile Arcadia

Prosegue inoltre la rieducazione di Felix, il cane di Arco, che morso il proprietario. A Rovereto in zona stazione è stata recuperata la salma di un pitbull, la cui morte però desta diversi sospetti. Raffo: "Fondamentale formare i proprietari"

Pubblicato il - 31 agosto 2018 - 12:49

ROVERETO. E' un periodo particolarmente inteso per Arcadia, il parco canile di Rovereto. Qui sono presenti i cani saliti, purtroppo, alla ribalta della cronaca negli ultimi giorni, cioè Felix, il rottweiler che ha morso il proprio proprietario ad Arco (Qui articolo) e Ronnie, il pitbull che ha aggredito Urbano Caliari, l'operatore di Trentino solidale, a Chizzola di Ala (Qui articolo). 

 

A Rovereto invece mercoledì scorso in zona stazione è stata recuperata la salma di un pitbull, la cui morte però desta diversi sospetti. 

 

Il personale del canile ha iniziato il percorso didattico sul cane. "Ronnie - spiega Pierluigi Raffo, presidente dell'Arcadia - manifesta un altissimo disagio sociale e ambientale, oltre all'assenza di buone strutture comportamentali che generano 'fissità cognitiva', cioè non riesce a generalizzare gli apprendimento e non sa interpretare le nuove situazioni". 

 

A breve il canile entra in possesso dei dati di anamnesi e questo permette di capire le esperienze e le abitudini sociali del cane.

 

"Un aspetto - aggiunge il presidente - fondamentale per cercare di individuare il fattore scatenante di un comportamento così forte, deciso e impulsivo. La settimana prossima ci sarà una valutazione insieme al veterinario comportamentalista per fornire una relazione alla Asl e permettere alle autorità competenti di effettuare le proprie scelte, nel rispetto delle norme di pubblica sicurezza".

 

Il rottweiler di Arco si è molto rilassato dopo l'arrivo in canile e comincia a diventare collaborativo, anche se resta sensibile e si spaventa molto facilmente. " A breve - aggiunge Raffo - inizia il percorso con la museruola, che potrebbe avviarlo al rientro a una vita di routine ma questo solo previa sottoscrizione, da parte del proprietario, dell’impegno a un monitoraggio ogni 15 giorni, rigorosamente gratuito, al campo di Mattarello".

 

La morte sospetta del pitbull a Rovereto. l’associazione Arcadia è intervenuta in stazione dei treni per recuperare il cadavere di un pitbull.

 

"Non convinti dell’apparente disperazione del proprietario – dice Raffo - abbiamo inviato la carcassa al laboratorio per una necroscopia. Attendiamo i test per avere conferma di quanto peraltro già evidente nella prima analisi, che ha mostrato la rottura di milza e fegato, oltre a numerose ecchimosi, tutte sul lato destro. Potrebbe essere morto perché preso a calci".

 

L'associazione Arcadia tiene a precisare tre aspetti. "I cani non sono pericolosi a prescindere - evidenzia il presidente - ma la mancanza di formazione dei proprietari è una delle cause della non corretta socializzazione, che porta a contraddizioni comunicative, oltre naturalmente a comportamenti indesiderati".

 

Capitolo museruola. "Rientra nella sfera della prevenzione - precisa - cioè tutelare anche il cane, metterlo in condizione di non fare danno e di potersi relazionare. La museruola fornisce ottimi strumenti ai proprietari, che non possono essere tecnici in grado di leggere i comportamenti degli altri cani che incontrano".

 

Introdurre l’obbligo della museruola? "Il suo uso - conclude Raffo - può essere un gesto di intelligenza che può migliorare l’accettazione e la convivenza coi cani ritenuti 'pericolosi' Spero che la museruola, che useremo anche per i due cani in trattamento, non solleciti nuove critiche degli 'esperti'".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato