Contenuto sponsorizzato

Imbrattamenti, il Comune di Trento: "Al lavoro per mettere in campo interventi veloci di pulizia dei muri"

Il tema è molto sentito dai cittadini. L'Amministrazione ha avviato un confronto anche con la Provincia per trovare una soluzione che permetta di eseguire la pulizia anche degli edifici storici 

Pubblicato il - 16 marzo 2018 - 16:08

TRENTO. Riuscire a rendere più veloci i procedimenti per togliere le scritte dai muri in città soprattutto per quelli presenti su edifici protetti dalle belle arti. E' questa la strada intrapresa dal Comune di Trento per uno dei problemi più sentiti dai cittadini.

 

Gli imbrattamenti presenti in città continuano ad aumentare e la scorsa settimana dalla stessa maggioranza di Comune si era alzata la voce del capogruppo del Patt, Alberto Pattini, che aveva chiesto al sindaco e alla giunta di “cambiare passo” anche con l'introduzione di nuove telecamere che potessero individuare gli autori.

 

“I problemi principali per intervenire – spiegano dal Comune – riguardano soprattutto i palazzi storici che non vengono risparmiati dall'imbrattamento ma che per ripulirli necessitano di accorgimenti particolari. Stiamo lavorando assieme alla Provincia per capire come questi procedimenti possano essere velocizzati”.

 

Allo studio ci potrebbero però essere, altre a nuove telecamere, anche la possibile creazione di una squadra ad hoc che possa intervenire quando necessario per l'eliminazione di scritte e altri segni.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 aprile - 19:34

Le vittime sono 4 donne e 5 uomini. Tra i decessi legati a Covid-19 anche Raffaele Zancanella, scario e ex presidente della Magnifica comunità, e il 28enne Lucjan Elezi. I contagi sono 2.671 in provincia

01 aprile - 20:40

Come anticipato dal ministro Roberto Speranza in Senato le restrizioni proseguono. Il premier: "Ci rendiamo conto che chiediamo uno sforzo e un sacrificio ma non siamo nelle condizioni di poter fare diversamente"

01 aprile - 18:04

Di fronte alle scorribande dell'orso più ricercato d'Italia, protagonista questo mese di danni ad arnie e malghe, dal mondo animalista arrivano gli inviti a non allarmarsi. La Lav Trentino: "Non c'è da allarmarsi, è un animale che sta lontano dalle persone. Bisogna fare investimenti per aumentare la prevenzione, che, come dimostrato in altri luoghi, funziona"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato