Contenuto sponsorizzato

In preda ai fumi dell'alcol aggredisce la cognata e i carabinieri, arrestato un 18enne

Notte poco tranquilla quella appena trascorsa a Cembra di Lisignago. Un giovane in predo all'alcol ha aggredito la cognata che ha chiesto poi l'aiuto dei carabinieri 

Pubblicato il - 17 luglio 2018 - 15:48

CEMBRA DI LISIGNAGO. Si ubriaca, aggredisce la cognata e poi tenta di prendere a pugni anche i carabinieri. Notte non proprio tranquilla quella appena trascorsa a Cembra di Lisignago dove un uomo, in preda ai fumi dell'alcol, ha aggredito uno dei propri famigliari e le forze dell'ordine.

 

L'allarme è stato lanciato da una donna che, vedendosi aggredire, ha immediatamente chiamato i Carabinieri. I militari della compagnia di Cavalese sono subito arrivati sul posto, in supporto, un’autoradio del Nucleo Radiomobile di questa Compagnia.

 

Al loro arrivo, hanno trovato in strada la richiedente aiuto che spiegava agli operatori come il cognato, un diciottenne già noto, di origine marocchina e residente a Dro, si era ubriacato ed aveva assunto comportamenti aggressivi nei suoi confronti, tanto da temere per la sua incolumità.

 

I militari della Stazione di Cembra – Lisignago hanno quindi cercato di calmare il 18enne che ha però risposto saltando addosso ad uno dei carabinieri tentando poi di colpirlo con un pugno. Da qui ne è nata una colluttazione nel corso della quale anche il fratello dell’aggressore tentava vanamente di calmarlo.

 

Successivamente i militari sono riusciti ad immobilizzarlo e ad ammanettarlo. Uno dei carabinieri è rimasto lievemente ferito.

 

Il giovane è stato arrestato e portato al carcere di Trento con i reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato