Contenuto sponsorizzato

Picchia i fratelli: intervengono i carabinieri e lo arrestano

Domenica scorsa un 25enne di Cles è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. Il Giudice che ha convalidato il provvedimento ha inoltre imposto al giovane di non avvicinarsi ai luoghi frequentati dalle vittime

Di Tiziano Grottolo - 25 luglio 2018 - 13:29

CLES. Notte di paura per una famiglia di origine serba residente a Cles: rincasato a tarda ora dopo una serata passata con gli amici un giovane di 25 anni avrebbe aggredito, prima a parole poi con l’uso della forza, la sorella.

 

La discussione originatasi per futili motivi è degenerata ben presto in un’aggressione vera e propria tanto da richiedere l’intervento di una pattuglia dei carabinieri. La vittima è stata soccorsa in un primo momento dal fratello minore, che ha anche allertato i carabinieri di Cles, successivamente la ragazza è stata costretta a ricorrere alle cure mediche.

 

Una volta intervenuti i carabinieri il giovane è stato tratto in arresto in flagranza di reato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

 

La condotta violenta del ragazzo, anche al di fuori del contesto famigliare, era già nota alle forze dell’ordine: l’episodio avvenuto domenica scorsa sarebbe solo l’ultimo di una lunga serie, i fratelli dell’aggressore infatti lo avevano già denunciato e la Compagnia dei carabinieri era stata costretta ad intervenire in più di un’occasione.

 

Il provvedimento restrittivo messo in atto dai carabinieri è stato infine convalidato dal Giudice, che ha imposto al giovane il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle vittime.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 18:34

Dallo studentato di San Bartolameo l’appello di Sara che si fa portavoce di un gruppo di studenti: “Nessuno parla della responsabilità della struttura. Avevamo denunciato la festa, ma nessuno del personale era intervenuto”. Fontana: "Non escludiamo alcuna colpevolezza. Oggi però pensiamo ai tamponi. Anche i negativi rimarranno in quarantena finché non sarà scongiurato il pericolo"

07 marzo - 18:33

L'allerta è scattata a San Giovanni di Fassa. Il macchinario ha travolto e schiacciato una 72enne. In azione la macchina dei soccorsi

 

07 marzo - 16:05

Nella vicenda interviene anche Slow food Trentino Alto Adige, struttura autonoma con personalità giuridica propria, associata a Slow food international, rappresentata da Sergio Valentini. Questa realtà si è costituita ad adiuvandum. Il Comitato è assistito dagli avvocati Vanni Ceola e Federico Fedrizzi, mentre Slow food è rappresentata dagli avvocati Elina Scotti e Raffaele Bifulco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato