Contenuto sponsorizzato

Inseguimento sui tetti di Trento tra balconi e appartamenti, arrestato uno spacciatore

L'uomo inseguito dalla polizia si è arrampicato sui dei balconi e ha scalato un palazzo. Poi è scappato da un tetto all'altro ma alla fine le forze dell'ordine sono riuscite a prenderlo. ''Preso'' è stato l'urlo di un agente e poi è partito l'applauso della gente in strada

Di Luca Pianesi e Luca Andreazza - 28 novembre 2018 - 18:50

TRENTO. E' durata poco la fuga di un uomo, che saltava da un tetto all'altro di Trento come Arsenio Lupin. Tensione altissima in pieno centro e l'area compresa tra via San Marco e via Francesco Ferruccio è stata completamente blindata per circa un'ora.

 

Un allarme scattato poco dopo le 18 e quando gli agenti si sono gettati all'inseguimento di un uomo, uno spacciatore, che alla vista degli agenti si è lanciato in fuga attraverso il parco di S. Marco. E' poi uscito dal giardino con la polizia alle calcagna che, pistola in mano, gli ha intimato di fermarsi. 

 

L'uomo però non si è curato degli agenti e così ha continuato la fuga a perdifiato lungo via Francesco Ferruccio, dietro i poliziotti all'inseguimento. A quel punto il fuggitivo ha scavalcato un cancello per restare sotto tiro gli agenti che sono ritornati a ordinare lo stop. 

 

Lo spacciatore non ha voluto sentire ragioni e così è saltato in un cortile. Un tonfo, un rumore sordo, ma si è rialzato immediatamente. Braccato e senza vie di uscita, ha iniziato allora ad arrampicarsi da un balcone all'altro per cercare una nuova via di fuga. 

 

Terminata la scalata, il ricercato ha raggiunto un tetto e ha iniziato a saltare da un palazzo ad un altro, non curante delle diverse altezze degli edifici e del pericolo. Ad un certo punto si è fermato e nascosto alla vista delle forze dell'ordine.

 

Nel frattempo la polizia ha circondato e isolato la zona, sempre pistola in mano, per stanare il fuggitivo e fermarlo, mentre sono arrivati i rinforzi a incrementare il presidio, e tantissimi cittadini si sono affacciati alle finestre, assiepati lungo la via tra curiosità e stupore.

 

In molti lo hanno visto balzare da un cornicione all'altro, da un balcone ad un altro per cercare di seminare gli agenti.

 

Dopo alcuni minuti di tensione e apprensione, ecco il blitz della polizia, che è entrata all'interno di un'abitazione da via Marchetti e teneva bloccati gli accessi su via Ferruccio. L'uomo, infatti, si era calato dalla grondaia, quindi ha rotto una finestra e si è gettato dentro una palazzina. Da lì è riuscito ad attraversare altri due appartamenti (tre in totale) per cercare di scappare definitivamente dalle forze dell'ordine.

 

I poliziotti però sono riusciti a fermare e immobilizzare lo spacciatore. "Preso", l'urlo liberatorio degli agenti che si è sentito chiaramente in strada. Ma non era ancora finita perché il portone blindato era chiuso e così sono entrati in azione anche i vigili del fuoco che con una scala a pioli hanno consentito agli agenti di far scendere lo spacciatore dalla finestra.

 

Una volta a terra, l'uomo è stato portato con volto coperto sulla volante per essere trasportato in questura. Un intervento perfetto e senza paura delle forze dell'ordine, applaudito dai cittadini in strada.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 12:37

Il presidente del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani (organismo “consulente” della Giunta e del Consiglio Provinciale) manda una lettera all'assessore all'istruzione e cultura per chiedergli di non far saltare quell'importante attività di educazione alla cittadinanza attiva che per tanti giovani è stata anche una delle prime esperienze lavorative: ''Credo non solo debba essere garantito nei suoi progetti ma addirittura rafforzato''

25 maggio - 12:53

Il parco acquatico Riovalli di Cavaion Veronese non riaprirà per l'estate. Le restrizioni imposte dai protocolli di sicurezza, le procedure e l'innalzamento automatico dei costi hanno spinto la direzione a decidersi per la chiusura, lasciando a casa una trentina di dipendenti. Il proprietario: "Lasciati soli dal governo. Anche con le nuove disposizioni del Veneto, come posso garantire al cliente di usufruire dei servizi per cui ha pagato?"

25 maggio - 12:08

Il fatto è accaduto in Val di Ledro, dopo che tre motociclisti venivano fermati per un controllo lungo la gardesana occidentale, al confine tra Lombardia e Trentino. Uno di loro, infatti, decideva di darsi alla fuga perché sprovvisto di patente da almeno vent'anni. L'uomo, un 53enne, è stato bloccato mentre cercava per un'altra strada di tornare verso casa e sanzionato per violazione delle norme di contenimento del virus, fuga e guida senza patente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato