Contenuto sponsorizzato

Inseguimento a piedi in Centro a Trento per arrestare lo spacciatore: sequestrati contanti ed eroina

In una giornata la polizia ha arrestato tre spacciatori che gravitavano soprattutto nella zona di piazza Dante. In un caso gli agenti hanno dovuto rincorrere un giovane malvivente per le vie del Centro, in un’altra occasione un pusher è stato bloccato poco prima che ingerisse la droga

Foto d'archivio
Pubblicato il - 17 ottobre 2020 - 12:29

TRENTO. L’operazione di polizia è andata in scena nei giorni scorsi e ha portato all’arresto di tre spacciatori attivi soprattutto nella zona di Piazza Dante a Trento. Gli investigatori della squadra mobile soprannominati “Orsi” hanno condotto una serie di appostamenti, mimetizzandosi tra i numerosi passanti che ogni mattina attraversano i giardini di Piazza Dante.

 

Così facendo hanno avuto modo di osservare gli scambi in denaro che avvenivano fra un pusher e i suoi clienti. Al momento giusto gli agenti sono intervenuti arrestando un 24enne di origine nigeriana e sequestrandogli 90 euro che aveva con sé. Nel frattempo anche il compratore è stato bloccato e la dose di eroina sequestrata.

 

Pochi minuti dopo la scena si e ripetuta proprio vicino al palazzo della Provincia. Sia l’acquirente che lo spacciatore sono stati pedinati, mentre il primo ha consegnato subito le due dosi di eroina che aveva acquistato, il 25enne di origine nigeriana ha tentato di ingoiare la droga per disfarsene. Gli agenti però sono stati più veloci e lo hanno bloccato sequestrandogli la dose di eroina e circa 150 euro.

 

La giornata degli “Orsi” si e conclusa nel pomeriggio in via Gazzoletti dove gli agenti si sono imbattuti nell’ennesima compravendita di droga. In questo caso il pusher, un 27enne nigeriano, si è reso conto di essere osservato e per questo ha tentato una disperata fuga a piedi per le vie del Centro storico. Il giovane è stato bloccato alla fine di vicolo del Vò, all’altezza di via Manci, anche in questo caso sono state sequestrate 3 dosi di eroina e 250 euro. I tre sona stati denunciati e nei loro confronti sono stati emessi altrettanti provvedimenti di espulsione dal territorio italiano.

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
27 novembre - 10:12
Il consigliere provinciale e capogruppo di Fratelli d'Italia, Claudio Cia: "Non ci sono colpe del dg il quale si esprime in buona fede e perché, [...]
Montagna
27 novembre - 09:03
I tre, dicono i soccorritori intervenuti nella zona di Livinallongo del Col di Lana (Belluno), erano rimasti bloccati dal buio durante il rientro [...]
Cronaca
27 novembre - 08:48
Marco Delaini era conosciuto in tutto il lago di Garda, il 48enne era il titolare della Trattoria Fornico di Gargnano. I famigliari hanno lanciato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato