Contenuto sponsorizzato

La guardia di finanza confisca mille capi d'abbigliamento contraffatti e li dona alle persone bisognose

Nel mirino alcuni esercizi commerciali che esponevano in vendita capi d’abbigliamento confezionati con tessuto pregiato, come lana, alpaca, cachemire e altri derivati, a prezzi sensibilmente inferiori a quelli di mercato. Nei guai due cinesi risedenti a Bolzano

Pubblicato il - 31 luglio 2018 - 16:36

BOLZANO. Un migliaio di capi d'abbigliamento confiscati e donati a una Onlus bolzanina da tempo attiva nel campo del volontariato e dell'assistenza a persone disagiate. Questo il risultato di un'operazione della guardia di finanza di Bolzano.

La confisca segue un sequestro delle fiamme gialle giunto al termine di un’indagine sul contrasto alla commercializzazione di capi contraffatti. Un'operazione che ha consentito di individuare prodotti di vestiario risultati composti da tessuti diversi e meno pregiati rispetto a quelli descritti sull’etichetta.

L’attività investigativa è partita dal monitoraggio di numerosi negozi d’abbigliamento della provincia, in seguito al quale è stata focalizzata l’attenzione su alcuni esercizi commerciali che esponevano in vendita capi d’abbigliamento confezionati con tessuto pregiato, come lana, alpaca, cachemire e altri derivati, a prezzi sensibilmente inferiori a quelli di mercato.

Sono scattati quindi controlli nei confronti di questi esercizi. In particolare, attraverso accurate analisi dei tessuti, eseguite nel laboratorio analisi dell’Agenzia delle dogane e monopoli, è stato accertato che le percentuali di fibre pregiate contenute nei capi d’abbigliamento analizzati erano sensibilmente inferiori rispetto a quelle indicate sull’etichetta e previste dal regolamento dell’Unione europea.

Nel corso dell’operazione, sono stati deferiti alla procura della repubblica del capoluogo altoatesino due cittadini cinesi residenti a Bolzano e nei loro confronti sono stati ipotizzati i reati di frode nell’esercizio del commercio e ricettazione.

L’Autorità giudiziaria ha poi autorizzato, previa la rimozione delle etichette, la devoluzione a un ente benefico di tutti i capi d’abbigliamento confiscati, prevalentemente maglioni.

 

L’ente destinatario è attivo da anni in provincia di Bolzano nella tutela delle persone bisognose e emarginate e gestisce diverse strutture destinate, tra l’altro, a far fronte alla prossima emergenze freddo per i senzatetto.

L’attività svolta ha inoltre lo scopo di tenere alta l’attenzione nel comparto della tutela del mercato dei beni e dei servizi e è orientata al contrasto dei diversi fenomeni illeciti che ledono il made in Italy, la libera concorrenza nonché la sicurezza e la salute dei consumatori e che costituiscono un moltiplicatore d’illegalità che contribuisce ad alimentare circuiti criminali, quali lavoro nero e irregolare, l’evasione fiscale e contributiva, il riciclaggio, l’immigrazione clandestina e il commercio abusivo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 novembre - 05:01

E' un po' presto per tirare le conclusioni. Il percorso verso dicembre è lungo e ci sono audizioni, emendamenti e votazioni in mezzo. Ma la manovra sembra piccola, molto piccola, rispetto alle possibilità e alle capacità del Trentino. Tante scelte e decisioni potrebbero essere rimandate al prossimo assestamento di bilancio

19 novembre - 19:41

Sono una quarantina i soci iscritti alla cooperativa Radio Taxi Trento che operano sul territorio provinciale. "La sicurezza negli anni è diminuita" ha spiegato il presidente Braccia. Al via, intanto, il "Taxi Rosa" per donne e minori che possono usare i mezzi nella fascia notturna con un buono sconto di 5 euro

19 novembre - 20:12

I contesti più critici sono rappresentati dalle frane verificatesi nel fondo valle e dalle valanghe in alta quota, la Pat: “Monitoriamo la situazione”. Rimane chiusa la strada statale 240, che collega Riva del Garda con Torbole, per la possibilità che altri massi si stacchino dal Monte Brione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato