Contenuto sponsorizzato

La polizia sequestra 80 solette al mercato: provenienza non chiara. Multa di oltre mille euro al venditore

E' successo al mercato di Moena. Gli agenti hanno trovato le solette con scritte in polacco. Sono in corso ulteriori verifiche per verificare altre problematiche

Pubblicato il - 08 agosto 2018 - 16:24

MOENA. Il Corpo di polizia della Val di Fassa ha sequestrato questa mattina a Moena durante il mercato cittadino un'ottantina di solette in gel per scarpe. I prodotti si trovavano in confezioni che riportavano scritte in polacco e con provenienza non chiara.

 

I controlli da parte degli agenti hanno appurato che non vi erano gli elementi necessari per la vendita ai fini della fruizione e della sicurezza del prodotto.

 

Si è quindi provveduto al sequestro della merce e ci saranno ulteriori approfondimenti. E' stata elevata anche una sanzione di 1.032 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica dal titolo ''Ruoli''. E proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento di rinunciare ai Mercatini scrivendo ''portae inferi non praevalebunt'' e che spiega di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan, essere il braccio destro del numero uno alla cultura e all'istruzione?

01 dicembre - 11:30

Sono 283 i contagi identificati a fronte di 3.428 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta all'8,3%. Un dato che si divide tra i 94 positivi ai 1.185 tamponi molecolari (7,93%) e i 189 casi con 2.243 test antigenici (8,43%)

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato