Contenuto sponsorizzato

Lavori di pubblica utilità, aveva tentato di incendiare il portone della casa dei richiedenti asilo

Falilou Seck, 26enne di Lasino, aveva agito per 'spaventare' gli inquilini del piano di sopra dopo alcuni screzi. Condannato a un anno e 4 mesi, pena sospesa, con l'obbligo di fare volontariato con l'associazione Trentino Solidale

Pubblicato il - 10 agosto 2018 - 10:19

TRENTO. Falilou Seck, il 26enne trentino residente a Lasino, che nel maggio scorso aveva incendiato la porta della casa in cui vivevano tre richiedenti asilo, ha patteggiato la condanna a un anno e 4 mesi di reclusione. La sospensione della pena sarà subordinata allo svolgimento di lavori di pubblica utilità presso l'associazione Trentino Solidale.

 

Il processo a suo carico si è concluso ieri e per l'imputato, difeso dall'avvocato Matteo Pallanch, l'accusa di incendio doloso aggravato si è trasformata in tentato incendio. Le fiamme, infatti, non si erano propagate e lui stesso, che ha riferito di aver agito soltanto per spaventare gli inquilini, ha tentato subito di spegnerle.

 

Dopo qualche screzio tra lui e gli inquilini del piano di sopra, ospiti dell'appartamento che il padre aveva messo a disposizione del Cinformi, il giovane aveva pensato ad un atto di ritorsione dando alle fiamme del nylon appallottolato. 

 

L'allarme fu dato dalla madre dell'imputato e dagli stessi richiedenti asilo. I carabinieri, al loro arrivo, avevano arrestato l'autore del gesto. Dopo la scarcerazione, il processo che lo ha condannato a scontare la pena in lavori di pubblica utilità. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:31

In Italia ci sono 11 Regioni classificate a rischio elevato, mentre Calabria, Lombardia, Piemonte e la provincia di Bolzano sono già entrate nello “scenario 4”, il peggiore. L’esperto del Ministero: “La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e non è un buon indicatore”

31 ottobre - 08:48

E' successo in centro a Rovereto, sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco che hanno spento l'incendio ma il mezzo è andato completamente distrutto. Sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine per capire la cause delle fiamme 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato