Contenuto sponsorizzato

Lavori di pubblica utilità, aveva tentato di incendiare il portone della casa dei richiedenti asilo

Falilou Seck, 26enne di Lasino, aveva agito per 'spaventare' gli inquilini del piano di sopra dopo alcuni screzi. Condannato a un anno e 4 mesi, pena sospesa, con l'obbligo di fare volontariato con l'associazione Trentino Solidale

Pubblicato il - 10 agosto 2018 - 10:19

TRENTO. Falilou Seck, il 26enne trentino residente a Lasino, che nel maggio scorso aveva incendiato la porta della casa in cui vivevano tre richiedenti asilo, ha patteggiato la condanna a un anno e 4 mesi di reclusione. La sospensione della pena sarà subordinata allo svolgimento di lavori di pubblica utilità presso l'associazione Trentino Solidale.

 

Il processo a suo carico si è concluso ieri e per l'imputato, difeso dall'avvocato Matteo Pallanch, l'accusa di incendio doloso aggravato si è trasformata in tentato incendio. Le fiamme, infatti, non si erano propagate e lui stesso, che ha riferito di aver agito soltanto per spaventare gli inquilini, ha tentato subito di spegnerle.

 

Dopo qualche screzio tra lui e gli inquilini del piano di sopra, ospiti dell'appartamento che il padre aveva messo a disposizione del Cinformi, il giovane aveva pensato ad un atto di ritorsione dando alle fiamme del nylon appallottolato. 

 

L'allarme fu dato dalla madre dell'imputato e dagli stessi richiedenti asilo. I carabinieri, al loro arrivo, avevano arrestato l'autore del gesto. Dopo la scarcerazione, il processo che lo ha condannato a scontare la pena in lavori di pubblica utilità. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 maggio - 19:26

Dai costi elevati alla mancanza di un progetto ben definito problemi e possibili soluzioni per “l’Amazon trentina”. L’esperto: “Come per qualsiasi attività commerciale, o vi è un profitto o non c’è motivo per cui debba rimanere aperta. L’online è una risorsa, non una minaccia, ma solo se la si sa utilizzare nelle misure e nei contesti adeguati”

31 maggio - 19:25

Non sono stati registrati decessi nelle ultime 24 ore, il quarto giorno consecutivo senza morti legati a Covid-19. Ci sono 5.432 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 1.910 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,05%

31 maggio - 19:23

Si tratta di Guido Casarotto. L'uomo era a bordo di una delle due macchine che il 25 maggio si erano scontrate sulla strada provinciale 235 all'altezza di Lavis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato