Contenuto sponsorizzato

Lavori di pubblica utilità, aveva tentato di incendiare il portone della casa dei richiedenti asilo

Falilou Seck, 26enne di Lasino, aveva agito per 'spaventare' gli inquilini del piano di sopra dopo alcuni screzi. Condannato a un anno e 4 mesi, pena sospesa, con l'obbligo di fare volontariato con l'associazione Trentino Solidale

Pubblicato il - 10 August 2018 - 10:19

TRENTO. Falilou Seck, il 26enne trentino residente a Lasino, che nel maggio scorso aveva incendiato la porta della casa in cui vivevano tre richiedenti asilo, ha patteggiato la condanna a un anno e 4 mesi di reclusione. La sospensione della pena sarà subordinata allo svolgimento di lavori di pubblica utilità presso l'associazione Trentino Solidale.

 

Il processo a suo carico si è concluso ieri e per l'imputato, difeso dall'avvocato Matteo Pallanch, l'accusa di incendio doloso aggravato si è trasformata in tentato incendio. Le fiamme, infatti, non si erano propagate e lui stesso, che ha riferito di aver agito soltanto per spaventare gli inquilini, ha tentato subito di spegnerle.

 

Dopo qualche screzio tra lui e gli inquilini del piano di sopra, ospiti dell'appartamento che il padre aveva messo a disposizione del Cinformi, il giovane aveva pensato ad un atto di ritorsione dando alle fiamme del nylon appallottolato. 

 

L'allarme fu dato dalla madre dell'imputato e dagli stessi richiedenti asilo. I carabinieri, al loro arrivo, avevano arrestato l'autore del gesto. Dopo la scarcerazione, il processo che lo ha condannato a scontare la pena in lavori di pubblica utilità. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato