Contenuto sponsorizzato

L'elicottero precipita e i passeggeri escono incolumi. L'intervento dei vigili del fuoco

Dopo l'incidente con dei cavi il mezzo è caduto su un fianco con il serbatoio ancora carico. I pompieri hanno prima ancorato l'elicottero al terreno e poi hanno provveduto al travaso di 200 litri di carburante

Pubblicato il - 11 settembre 2018 - 17:49

MERANO. Alla fine si è risolto tutto per il meglio. Le persone a bordo dell'elicottero, il pilota Gilberto Bazzoli, trentino originario della Roncone, ed il tecnico di Domodossola non si sono fatti praticamente niente. Il mezzo nello schianto si è accasciato su un fianco senza prendere fuoco e quindi non si sono evitate pericolose complicazioni. Infine anche le operazioni di messa in sicurezza e di recupero dei feriti si sono svolte senza particolari problematiche. Poteva essere una tragedia e invece, nella sfortuna, tutto è andato nel migliore dei modi.

 

 

I fatti ve li abbiamo raccontati ieri. Un elicottero della compagnia privata Elicampiglio era impegnato in un servizio di controllo delle linee elettriche per conto di Edyna, società, controllata da Alperia che ha attivato un serrato monitoraggio sui 1400 chilometri di linea aerea altoatesina per capire se ci sono criticità o punti da sistemare. Ebbene poco prima delle 17 il mezzo della società con sede a Monclassico ha avuto l'incidente: stando alle prime ricostruzioni avrebbe urtato con le pale dei cavi soprastanti a quelli che stavano monitorando, il pilota avrebbe, così, perso il controllo dell'elicottero che, cadendo da una decina di metri di altezza, si sarebbe accasciato su un fianco sbattendo violentemente su un prato.

 

 

I fatti si sono svolti sopra Merano, a Verano, a poche decine di metri da maso Stegerhof non lontano dalla funivia che collega Postal a Verano. Avuta notizia dell'accaduto subito sul posto si sono portati i vigli del fuoco e i soccorsi. Tutti sono rimasti molto sollevati nel vedere che i due occupanti stavano bene. Qualche graffio e botta ma sono riusciti a uscire dal mezzo da soli e sono stati portati all'ospedale di Merano a scopo precauzionale soprattutto per superare lo shock. Poi è iniziato l'intervento sull'elicottero. La cabina aveva il vetro sfondato e parte della lamiera accartocciata e il serbatoio pericolosamente carico di carburante.

 

 

Fortunatamente il mezzo non ha preso fuoco e la situazione è rimasta stabile ma i vigili del fuoco di Merano e di Verano hanno subito dovuto occuparsi degli aspetti legati all'antincendio. Hanno quindi dovuto pompare i 200 litri di carburante contenuti nel serbatoio per portarli altrove tramite delle taniche. E per farlo hanno utilizzato degli appositi strumenti di pompaggio. Intanto l'elicottero era stato ancorato al terreno per impedirgli di muoversi o scivolare e per permettere ai vigili di operare in sicurezza.

 

Tutte le operazioni si sono svolte nel migliore dei modi. Ora spetterà all'Enac e ai carabinieri fare luce su eventuali colpe o responsabilità anche se, a tutti gli effetti, sembra trattarsi semplicemente di un incidente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 maggio - 06:01

Sono 35 le aziende che in queste ultime tre settimane hanno scelto di sottoporre i propri dipendenti al test sierologico. Azelio De Santa: "Le aziende investono su questo strumento di indagine, ed è giusto che ricevano un riscontro efficiente da parte dell'Azienda sanitaria. Nella fase-2 e nella fase-3, infatti, l'obiettivo sarà quello di localizzare velocemente i focolai e gestirli in modo veloce e efficace. Serve chiarezza"

30 maggio - 09:20

Ieri sera il vertice di Governo. Dopo quasi tre mesi dal 3 giugno sarà possibile tornare a muoversi liberamente in tutta Italia. I dati continueranno comunque essere monitorati molto attentamente dal Governo e il ministro Boccia nelle prossime ore sentirà i vari presidenti delle regioni 

30 maggio - 08:39

Sono arrivati con 14 mezzi i vigili del fuoco da tutto il Veneto per spegnere le fiamme che hanno devastato l'azienda a Valbrenta. Sul posto anche i tecnici dell'Arpav per verificare le condizioni dell'aria vista le alte colonne di fumo e le forze dell'ordine per ricostruire quello che è successo 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato