Contenuto sponsorizzato

Lettera da Roma: ''Per riaprire il Punto nascita serve una nuova sala operatoria''. Tutti contro Zeni che si difende: "Niente strumentalizzazioni"

La decisione del Comitato percorso nascite nazionale sul presidio di Cavalese è arrivata il 28 febbraio. "Prima abbiamo approfondito. Decisione nazionale, non dipende da noi ma ci opporremo". Le opposizioni: "Dimissioni"

Di Donatello Baldo - 22 marzo 2018 - 18:45

TRENTO. Direttamente dal Comitato percorso nascita nazionale, l'organismo che deve sindacare sulla sicurezza dei presidi neonatali, è arrivata la doccia fredda: "Per aprire quello di Cavalese serve una struttura adeguata, una sala operatoria apposita per le partorienti". Arriva sostanzialmente un no, anche se apre sull'uso di personale non dipendente, i cosiddetti "gettonisti", che potrebbero assicurare il numero minimo di medici presenti.

 

Il presidente della Provincia, Ugo Rossi, l’assessore Luca Zeni ed il direttore generale dell’APSS Paolo Bordon hanno illustrato il parere fornito dal “Comitato” in merito alla riapertura del punto nascita. All’incontro era presente anche l’assessore Mauro Gilmozzi.

 

Ma il documento era arrivato sul tavolo dell'assessore Zeni il 28 febbraio. Perché questo ritardo nella comunicazione?, chiede il Comitato Parto per Fiemme. "Perché siamo persone serie e le istituzioni devono seguire dei passaggi formali che non sono quelli di dare ai quattro venti le notizie".

 

Nessun sotterfugio e nemmeno la voglia di sottrarre la notizia alla pubblica opinione per non influenzare le elezioni come sussurrato da alcuni. "Ma scherziamo? - dice Zeni - appena arrivata la comunicazione abbiamo fatto un doveroso passaggio di Giunta, poi mi sono recato personalmente a Roma per incontrare il direttore generale del Ministero. Per avere un'interpretazione autentica della decisione, per chiedere lumi".

 

Solo dopo, con tutte le informazioni in mano, la Giunta ha incontrato gli amministratori locali. Il Comitato percorso nascite ha richiesto che la riapertura del punto nascita sia subordinata ad alcune modifiche strutturali, ovvero una seconda sala parto ed una sala operatoria sempre pronta per le emergenze nel blocco travaglio/parto.

 

"Il Comitato nazionale ha optato per un'interpretazione che noi non condividiamo - spiega Zeni - non chiede l'adeguamento programmato che era già stato avviato dalla Giunta, ma impone che la riapertura avvenga solo con il completamento dei lavori."

 

La Giunta provinciale, infatti, aveva programmato la costruzione del nuovo Ospedale. Ma questo non è bastato. "Il Comitato ha fissato questo principio per la prima volta. E' partito dal presupposto che una riapertura deve avvenire con la struttura a norma, che non basta la programmazione dell'adeguamento com'era sempre avvenuto".

 

"Una novità che mai era emersa nel corso dei precedenti confronti, dove le modifiche strutturali erano considerate un obiettivo a tendere. Richiederemo dunque al comitato, formalmente, di rivedere questa decisione", afferma l'assessore Luca Zeni.

 

La Giunta affronterà la cosa con il nuovo ministro alla Sanità e ha dato mandato all'Azienda sanitaria di muoversi per velocizzare le procedure di adeguamento della struttura. Impegni che però non bastano alle opposizioni e nemmeno a Parto per Fiemme, il gruppo di cittadini che difende il punto nascite della Val di Fiemme.

 

Claudio Cia, con Manuela Bottamedi e Maurizio Fugatti, hanno già convocato una conferenza stampa e Claudio Civettini già chiede le dimissioni dell'assessore Luca Zeni. "Non si strumentalizzi questa cosa per una campagna elettorale permanente - dice Zeni - la decisione è del Comitato percorso nascite nazionale e la Provincia ha fatto tutto quello che era in suo potere e continuerà a farlo".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 12:25

Tamponi antigenici e molecolari, a scuola c’è ancora confusione ma si fa largo l’ipotesi che i positivi ai test rapidi sfuggano dai conteggi per mettere le classi in quarantena. La lettera di una mamma: “Le maestre hanno il divieto tassativo di avvisare i genitori di eventuali contagi. Credo sia molto grave”

24 novembre - 11:54

La struttura ricettiva lancia anche un duro affondo sulla politica per l'assenza di certezze: "Purtroppo la mancanza di direttive e di una politica razionale per la prossima apertura invernale da parte della classe politica (ahimè senza titoli universitari o esperienza lavorativa almeno nel 95% dei casi) ci porta in autonomia per necessità di coerenza e rispetto verso il buonsenso di non aprire"

24 novembre - 11:33

La guida del Gambero Rosso quest’anno non ha dato punteggi, ma ha cercato di celebrare la ristorazione che sta reggendo il colpo, che porta avanti le sue golosità, nonostante tutto e che riesce ancora a tenere botta alla devastante crisi causa Covid. Sono state confermate solo 38 Tre Forchette in tutta Italia ad altrettanti superchef mentre sono tante le Due Forchette anche per la ristorazione regionale. Da Brunel a Ghezzi da Fumagalli a Gilmozzi, Melis, Bellingeri ecco chi sono 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato