Contenuto sponsorizzato

Malattia emorragica virale, morti 70 conigli in 3 allevamenti di Trento. L'Apss: ''Nessun pericolo per la salute pubblica''

La malattia colpisce solamente i conigli. Il focolaio è già stato chiuso. Non ci sono pericoli per la salute delle persone

Di gf - 22 aprile 2018 - 14:15

TRENTO. Sono circa 70 i conigli provenienti da tre allevamenti familiari situati a Ravina, Sardagna e Camponzin, che nelle ultime tre settimane sono morti per malattia emorragica virale. Si tratta di una malattia che colpisce i conigli e che non porta alcun pericolo per l'essere umano.

 

La morte dell'animale è causata da diverse emorragie interne e ad essere colpiti di solito sono soprattutto i polmoni.

 

Come già detto, nelle scorse settimane questa malattia ha colpito 3 allevamenti. Da parte del sindaco Alessandro Andreatta è stata emessa un'ordinanza veterianaria per l'apertura e la chiusura di un focolaio. La situazione si sarebbe quindi risolta e a confermarlo è anche Franco Fasoli, direttore dei servizi veterinari dell'Apss.

 

“In questo caso dobbiamo chiarire che quando parliamo di 70 conigli morti – spiega Fasoli – non siamo davanti ad una epidemia ma solo alla somma di conigli morti in più allevamenti rurali che nell'arco di un determinato tempo sono stati interessati di questa malattia”.

 

I casi sono tre e l'intervento dell'azienda sanitaria è avvenuto su segnalazione dei privati che hanno riscontrato la moria anomala di alcuni conigli. “Questa malattia – chiarisce il medico veterinario – colpisce ormai solo esclusivamente gli allevamenti familiari dove spesso non si vaccinano gli animali. La malattia colpisce l'allevamento, di solito, attraverso i maschi che vengono portati per fecondare le femmine”.

 

Il decorso della malattia emorragica virale è di un certo grado di gravità. “ Non ha alcun riflesso sulla salute pubblica – spiega ancora Franco Fasoli – infatti quando ci sono i primi sintomi in un allevamento familiare il consiglio che viene dato è quello di macellare i conigli rimanenti per poterli consumare. Di solito gli animali colpiti da questa patologia hanno un edema polmonare e altre emorragie che nel giro di poche ore portano alla morte il coniglio”.

 

Si tratta della stessa malattia , spiega il medico dell'azienda sanitaria, che lo scorso anno aveva colpito alcuni conigli presenti sul Lavisotto e altri che si trovavano al cimitero di Trento diminuendone il numero.

Dopo la morte di questi 70 conigli la situazione è però tornata sotto controllo. “Certamente – spiegato Fasoli – il focolaio è stato aperto e chiuso. Torno a ripetere che non c'è alcun allarme per la salute pubblica”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 15:00

E' successo poco prima di mezzanotte, sul posto  una volante della squadra mobile e la polizia locale. Due denunce 

16 luglio - 13:01

Dopo i tanti comitati locali e associazioni ambientaliste intervenuti per denunciare i pesanti interventi sulle montagne di Cortina, anche il Cai Veneto ha deciso di scendere in campo lanciando un allarme per la "pressione ambientale insostenibile" sulle montagne di Cortina. Nelle settimane scorse, i mondiali di sci erano stati confermati per il 2021

16 luglio - 13:05

Questi paesi si aggiungono a Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del nord, Moldavia, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana e il divieto comprende tutti i mezzi di trasporto. Restano però aperti i collegamenti con gli Stati Uniti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato