Contenuto sponsorizzato

Malattia emorragica virale, morti 70 conigli in 3 allevamenti di Trento. L'Apss: ''Nessun pericolo per la salute pubblica''

La malattia colpisce solamente i conigli. Il focolaio è già stato chiuso. Non ci sono pericoli per la salute delle persone

Di gf - 22 April 2018 - 14:15

TRENTO. Sono circa 70 i conigli provenienti da tre allevamenti familiari situati a Ravina, Sardagna e Camponzin, che nelle ultime tre settimane sono morti per malattia emorragica virale. Si tratta di una malattia che colpisce i conigli e che non porta alcun pericolo per l'essere umano.

 

La morte dell'animale è causata da diverse emorragie interne e ad essere colpiti di solito sono soprattutto i polmoni.

 

Come già detto, nelle scorse settimane questa malattia ha colpito 3 allevamenti. Da parte del sindaco Alessandro Andreatta è stata emessa un'ordinanza veterianaria per l'apertura e la chiusura di un focolaio. La situazione si sarebbe quindi risolta e a confermarlo è anche Franco Fasoli, direttore dei servizi veterinari dell'Apss.

 

“In questo caso dobbiamo chiarire che quando parliamo di 70 conigli morti – spiega Fasoli – non siamo davanti ad una epidemia ma solo alla somma di conigli morti in più allevamenti rurali che nell'arco di un determinato tempo sono stati interessati di questa malattia”.

 

I casi sono tre e l'intervento dell'azienda sanitaria è avvenuto su segnalazione dei privati che hanno riscontrato la moria anomala di alcuni conigli. “Questa malattia – chiarisce il medico veterinario – colpisce ormai solo esclusivamente gli allevamenti familiari dove spesso non si vaccinano gli animali. La malattia colpisce l'allevamento, di solito, attraverso i maschi che vengono portati per fecondare le femmine”.

 

Il decorso della malattia emorragica virale è di un certo grado di gravità. “ Non ha alcun riflesso sulla salute pubblica – spiega ancora Franco Fasoli – infatti quando ci sono i primi sintomi in un allevamento familiare il consiglio che viene dato è quello di macellare i conigli rimanenti per poterli consumare. Di solito gli animali colpiti da questa patologia hanno un edema polmonare e altre emorragie che nel giro di poche ore portano alla morte il coniglio”.

 

Si tratta della stessa malattia , spiega il medico dell'azienda sanitaria, che lo scorso anno aveva colpito alcuni conigli presenti sul Lavisotto e altri che si trovavano al cimitero di Trento diminuendone il numero.

Dopo la morte di questi 70 conigli la situazione è però tornata sotto controllo. “Certamente – spiegato Fasoli – il focolaio è stato aperto e chiuso. Torno a ripetere che non c'è alcun allarme per la salute pubblica”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato