Contenuto sponsorizzato

"Manifesti abusivi", stop della polizia locale agli alpini che prenotano nei parchi della città

Sono tre i casi fino ad oggi  sui quali è intervenuta la polizia locale. Sabato scorso è successo a Maso Ginocchio con gli alpini di Calvisano. Altri due episodi ai giardini Duca d'Aosta

Foto: giornaledibrescia.it
Di gf - 03 maggio 2018 - 19:49

TRENTO. Mancano pochi giorni per l'avvio della 91esima Adunata degli alpini e sono ormai agli sgoccioli i posti nelle aree destinate all’ospitalità delle penne nere che si stanno organizzando per arrivare da tutta l'Italia.

 

Chi non trova nessuno spazio cerca di arrangiarsi come può ed è il caso degli alpini di Calvisano che sabato scorso, infatti, dopo essere arrivati a Trento, come riportato dal giornale di Brescia, hanno deciso di affiggere dei cartelli all’interno del parco di Maso Ginocchio per «prenotare» uno spazio dove sistemare le tende.

 

Peccato però che le regole, soprattutto quelle sui luoghi per installare le tende, sono molto rigide. E' infatti vietato campeggiare nelle aree verdi e all’interno dei parchi della città. Ecco allora che ad intervenire sono stati gli agenti della polizia locale di Trento che nel verificare il parco si sono accorti dei cartelli abusivi con la scritta: “Alpini Calvisano”.

 

Non è stato questo l'unico caso. “Abbiamo trovato altri cartelli – hanno spiegato dalla polizia locale di Trento – al giardino Duca D'aosta attaccati da due gruppi di alpini”. Anche in questi ultimi casi gli agenti hanno provveduto a toglierli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato