Contenuto sponsorizzato

Marco, 16 anni, è scomparso da Riva ieri. La richiesta di aiuto su Facebook degli amici: "Se qualcuno l'avesse visto chiami la polizia"

Al lavoro per le ricerche i vigili del fuoco, il soccorso alpino e le forze dell'ordine           (QUI L'AGGIORNAMENTO)

Pubblicato il - 17 febbraio 2018 - 09:05

RIVA DEL GARDA. Ha 16 anni Marco, lo studente che da ieri pomeriggio è scomparso a Riva del Garda dove frequentava il liceo classico A.Maffei. Terminate le lezioni, nel weekend, tornava a casa a Tione.

 

Ieri si sarebbe dovuto incontrare con la madre per tornare a casa ma all'appuntamento non si è più presentato. Non si è fatto vedere nemmeno alla palestra che era solito frequentare.

 

Ieri pomeriggio è stata fatta la denuncia di scomparsa presso la polizia di Riva del Garda. Immediatamente sono iniziate le ricerche che vedono impegnati i vigili del fuoco di Riva del Garda, il soccorso alpino e le forze dell'ordine.

 

Intanto su Facebook i compagni di scuola di Marco e diversi genitori hanno lanciato una richiesta di aiuto. “Marco Boni è scomparso ieri da Riva del Garda. Se qualcuno l'avesse visto chiami la polizia”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 13:00

Dopo le dimissioni di Paolo Ghezzi dal ruolo di consigliere provinciale, per Futura le acque continuano a essere piuttosto agitate. Al rifiuto delle richieste avanzate dai Verdi di affidare il compito di capogruppo in Provincia a Lucia Coppola e di riconoscere la presenza della forza ecologista nel simbolo, pronunciato in un incontro fra i vertici dei partiti, è seguita la rottura. La consigliera passerà al gruppo Misto. "Sono addolorata. I nostri obiettivi sono sovrapponibili, collaboreremo"

29 novembre - 12:30

Il drammatico incidente è avvenuto ieri sera, Valeria è morta sul corpo e un altro ragazzo di 22 anni si trova in gravissime condizioni. "Se non c’era il Covid, ieri, forse eri in palestra a fare la partita… e non ti sarebbe successo. Parole comunque poco utili ad affrontare l’accaduto. Una tragedia simile ad altre, che spezzano la vita di nostri giovani e lasciano ferite sempre aperte nel cuore di tutti"

29 novembre - 10:56

La vicenda è avvenuta in stazione a Rovereto, in un primo momento il 60enne ha riferito ai carabinieri di essersi procurato le ferite. Poi ha spiegato di aver mentito e di essere stato aggredito. Rintracciato il presunto aggressore, però, la vittima ha cambiato di nuovo versione oltre a non riconoscerlo


 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato