Contenuto sponsorizzato

Maxi operazione della Guardia di Finanza di Trento: distrutta una filiera del falso. Sequestri e perquisizioni in tutta Italia

Sono state denunciate 36 persone ed è stata data esecuzione a undici ordinanze di custodia cautelare. Questa mattina al Comando della Guardia di Finanza di Trento saranno illustrati i dettagli dell'operazione

Pubblicato il - 22 novembre 2018 - 07:54

TRENTO. Maxi operazione contro la contraffazione da parte della Guardia di Finanza di Trento che ha portato alla denuncia di ben 36 persone.

 

L'operazione ha portato anche, su delega della Procura di Rovereto, all'esecuzione di undici ordinanze di custodia cautelare , sei in carcere e cinque ai domiciliari.

 

Gli uomini delle Fiamme Gialle hanno portato avanti in tutto il territorio nazionale decine di perquisizioni di locali e sequestri, impiegando oltre cento militari delle Fiamme Gialle in tutta Italia.

 

L’operazione a contrasto della contraffazione dei marchi a tutela del “Made in Italy” denominata “AGORÀ”, eseguita dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia

di Finanza di Trento, è stata condotta in collaborazione con i Comandi del Corpo di altre venti province d’Italia.

 

I dettaglia dell'operazione saranno illustrati alla stampa questa mattina presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato