Contenuto sponsorizzato

Moser's Rides, dal Trentino realizza le ruote panoramiche più grandi del mondo. E quella in Piazza Dante? Solo se il Comune prevede il piano B

A Trento arriva la ruota panoramica, novità assoluta dei Mercatini di Natale, ma ci sarebbe un'azienda per metà trentina, la Moser's Rides: tra i leader del settore, ha realizzato la seconda ruota più alta del Sud America e lavora anche nei parchi tematici di Warner Bros, 20th Century Fox e Dream Works

Di Luca Andreazza - 28 novembre 2018 - 17:57

TRENTO. La ruota panoramica è pronta per girare, bellissima, in piazza Dante, novità assoluta per la città, inserita all'interno della cornice dei Mercatini di Natale targati Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi. L'identikit della ruota è presto fatto: alta 38 metri, 24 gondole e può trasportare fino a 144 persone. Un'attrazione fortemente voluta dall'assessore Roberto Stanchina.


Ma alcuni già si lamentano della provenienza, la proprietaria è la Riders Solution di Bregantino in provincia di Rovigo, l'installazione, temporanea, vede tra i protagonisti anche alcuni operai francesi specializzati. Meglio un accento d'Oltrealpe e la sicurezza che il dialetto trentino e qualche problemino di troppo, verrebbe da dire, vista la tipologia di attrazione.

 

Una ruota, meglio essere precisi, che non può essere realizzata in Trentino: qui non esistono realtà in grado di produrre e installare questa tipologia di intrattenimento. Se si vuole questa attrazione, bisogna superare il confine, non c'è niente da fare e il trentino più orgoglioso deve farsene una ragione. Anche se ci sarebbe il piano B, quello griffato Moser's Rides.

 

Se proprio si vuole essere pignoli, forse le gondole aperte in dicembre a Trento non sono proprio l'ideale, nel 2018 però non esiste il freddo, ma eventualmente un cattivo abbigliamento. Insomma giacca, guanti, sciarpa e berettino possono risolvere molti problemi, un po' si soffre comunque, ma si può godere di un panorama nuovo, una prospettiva diversa

 

Il piano B. Una ruota panoramica per metà trentina sul mercato sarebbe reperibile. Un'azienda leader nel settore, una realtà che lavora tra Cina IndiaStati Uniti e Emirati Arabi. Queste sono solo alcune delle Nazioni che ospitano prodotti della Moser's Rides di Alfeo Moser, un cognome che tradisce chiare origini trentine, Barco per la precisione.

 

 

Questa azienda, trapiantata nel mantovano, vanta 28 dipendenti e oltre 40 anni di storia alla spalle. "Siamo artigiani - dice Moser - creiamo in casa praticamente tutte le componenti. Sono sfide ingegneristiche e tecnologiche. La nostra strategia aziendale non è quella di fare pubblicità, sfruttiamo la nostra reputazione tra gli addetti ai lavori: siamo riconosciuti per la serietà e l'affidabilità".

 

Insieme ai suoi figli installa ruote panoramiche di ogni genere in parchi tematici e tra i committenti ci sono colossi del calibro di Warner Bros, 20th Century Fox e Dream Works. La Moser's Rides è autore della seconda ruota panoramica più grande del Sud America costruita sopra una palafitta.

 

 

"Abbiamo lavorato tantissimo e duramente per arrivare a questo risultato - aggiunge l'esperto - in generale monitoriamo costantemente il gradimento del clienti e del pubblico per apportare migliorie e tenere le nostre proposte sempre aggiornate. La qualità è fondamentale per poter restare competitivi sul mercato, senza adagiarsi ma restare sempre attivi e innovativi".

 

E ora ci sono anche le ruote panoramiche 4.0. "Oltre a queste attrazioni classiche - prosegue Moser - ci siamo specializzati nelle linee di realtà virtuale e interattive. In Cina abbiamo installato una ruota di 55 metri d'altezza e si può vivere l'atmosfera del film Interstellar, un sistema evolutissimo, sembra di essere in un'altra dimensione".

 

Un'alternativa c'è, se l'amministrazione decidesse di portare la ruota panoramica in pianta stabile nello skyline cittadino, dopo aver valutato il successo e la popolarità di questa attrazione al termine delle festività natalizie. 

 

"Chiaramente - commenta l'esperto - è necessario prima predisporre uno studio accurato per capire le potenzialità di una ruota panoramica fissa a Trento. Oggi non serve un basamento in calcestruzzo per installare l'opera, si può operare senza fondamenta per un impatto minore e migliore. Il Comune potrebbe predisporre l'area e un privato potrebbe poi prendersi in carico il resto. Questa industria funziona, piace alle famiglie e il successo sarebbe quasi assicurato".

 

Il costo? "Un prodotto medio - conclude Moser - che garantisce il giusto mix tra spettacolarità e altezza, sound e luce, monitor e design si aggira intorno ai 4 milioni di euro".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 2 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
03 agosto - 17:10
Il Cai Veneto non lo mette in dubbio: il Green Pass rappresenta uno strumento utilissimo nella strategia di contenimento della diffusione del [...]
Cronaca
03 agosto - 20:15
Lo scontro è avvenuto al termine del cavalcavia di Ravina in direzione nord a Trento
Cronaca
03 agosto - 17:05
Le precipitazioni più abbondanti interesseranno i settori occidentali e saranno concentrate sui rilievi. La fase più intensa si avrà tra il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato