Contenuto sponsorizzato

Nonno muore cadendo con in braccio il nipotino: è Bruno Piffer storico preside di Andalo

Figura stimata e molto conosciuta su tutto l'Altopiano della Paganella aveva 78 anni. Forse un malore all'origine della caduta. Il bimbo di 4 anni è stato portato al Santa Chiara

Pubblicato il - 05 luglio 2018 - 13:14

MOLVENO. E' caduto dalle scale con in braccio il nipotino ed è morto sul colpo. La vittima della tragedia accaduta questa mattina, poco prima delle 8, a Molveno è Bruno Piffer, un uomo di 78 anni, molto conosciuto in Paganella in quanto professore di matematica alle medie e poi dirigente scolastico ad Andalo.

 

Classe 1940, nato a Cimone e residente a Molveno, è stato preside delle scuole medie di Andalo per ben 35 anni. Una figura storica per tutto l'Altopiano e anche per questo il consiglio comunale di Molveno, che era stato fissato per questa sera, verrà spostato a lunedì prossimo. A darne notizia la lista civica PerMolveno che comunica: "Il consiglio comunale di Molveno, in programma questa sera, è stato spostato a lunedì 9 luglio alle ore 21, a seguito della tragedia che ha colpito la nostra comunità e in particolare il collega consigliere Alessandro Piffer".

 

L'uomo, secondo le prime informazioni sarebbe morto cadendo dalle scale, nella sua abitazione di via Bettega, con in braccio il nipotino di 4 anni. Una tragedia forse causata da un malore che avrebbe colpito in quell'istante l'ex dirigente scolastico. Anche il bambino, cadendo, ha riportato delle contusioni ma, fortunatamente, non sarebbe in gravi condizioni. Sul posto si sono portate immediatamente un'ambulanza e due automediche oltre alla Croce Bianca di Fai e i vigili del fuoco.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 05:01

Piazza Dante tergiversa, approfondisce in attesa di chissà quale illuminazione. La legge è stata licenziata a luglio, il Tar ha accolto i ricorsi di diversi esercizi commerciali a inizio settembre, ma ancora si decide di non decidere

26 settembre - 20:28

La vetta della classifica resta saldamente in mano al Nordest con Bolzano che si conferma prima e Trento al terzo posto. Belluno, invece, si piazza al 32esimo posto, penalizzato quasi in tutte categorie. Brilla, però, con 5 punti su 5, nella categoria Sicurezza e Legalità: un risultato migliore anche rispetto ai due capoluoghi del Trentino - Alto Adige

26 settembre - 21:01
La via sterrata è molto stretta e il conducente della vettura ha accostato per cercare di far passare il furgone. Nella manovra però l'auto è finita nella scarpata. In azione vigili del fuoco di zona e carabinieri 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato